10 consigli per gestire un partner lunatico

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

La vita di coppia non è sempre facile, come si suol dire non è tutta "rose e fiori".
In coppia si affrontano tanti momenti difficili, piccoli o grandi che siano, piccoli screzi e piccoli o grandi problemi.
Affrontare e condividere i momenti duri fa parte dell'essere il compagno di qualcuno.
Ma non tutti i momenti difficili o poco piacevoli sono poi così preoccupanti.
Avere accanto a sé un partner lunatico potrebbe essere un qualcosa di poco piacevole, ma non molto preoccupante: anni fa l'essere lunatici veniva considerato come una malattia mentale, mentre al giorno d'oggi si tratta di un semplice ma repentino cambio dell'umore.
Gestire un partner con questa personalità non è del tutto semplice e talvolta potrebbe risultarvi stressante, specie se non avete alcuna idea su come fare per arginare il problema.
Ed è proprio di questo che vi parlerò in questa lista, nello specifico vi darò 10 consigli per gestire un partner lunatico.

211

Tanta pazienza

Il primo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è il più classico, comune e scontato: abbiate tanta pazienza.
Portare pazienza di fronte ai cambi repentini d'umore del vostro partner non solo vi porterà a stressarvi un po' meno, ma anche a calmare almeno un po' il vostro partner.
Essere aggressivi con esso, oppure manifestare spesso disagio, non farà altro che alimentare la lunaticità del vostro compagno.

311

Non ignorate il problema

Il secondo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di non ignorare il problema.
Nonostante non si tratti più di un problema psicologico, una persona lunatica va trattata in un certo modo, seppur non sia una cosa semplice.
Non ignorare il problema e sapere cosa fare, senza attribuire al partner colpe o parlandogli in maniera aggressiva, è uno dei primi passi per cercare di arginare il problema.

Continua la lettura
411

Cercate di comprendere le cause

Il terzo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di essere comprensivi.
Se sarete comprensivi e cercherete di comprendere le cause degli sbalzi d'umore del vostro partner, avrete sicuramente più carte in mano gestire il problema nel momento in cui esso si presenterà.  In genere l'essere lunatici è una questione caratteriale, ma gli stimoli esterni sicuramente influenzano e accentuano questo lato del carattere.
Comprendere quali siano le situazioni o stimoli esterni che scaturiscono gli sbalzi d'umore, può esservi di grande aiuto anche per prevenirli.

511

Siate vicini, ma al tempo stesso distanti

Il quarto consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di prendere un po' le distanze da lui.  Essere vicini al vostro partner, pazienti e comprensivi è sicuramente d'aiuto, ma ciò potrebbe non bastare.  A volte dovrete essere un po' distaccati, per il bene di entrambi: il giusto distacco emotivo dal partner e dalle sue problematiche, vi aiuterà ad essere meno stressati e a gestire meglio la situazione.  Lasciarsi coinvolgere del tutto potrebbe, invece, complicarvi le cose.

611

Non siate crocerossine

Il quinto consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di non fare le crocerossine.  Ogni donna ha dentro di sé una crocerossina che vuole, cerca e quasi deve aiutare il proprio compagno.  Ma questo comportamento non sempre è un bene, anzi: spesso questo comportamento peggiora le situazioni.
Cercare di aiutare il vostro partner a gestire la sua lunaticità è sicuramente un qualcosa che potreste fare, ma sempre con la giusta moderazione.  Essere troppo crocerossina potrebbe alimentare la lunaticità del vostro compagno.

711

Siate sicure di voi e continuate la vostra vita

Il sesto consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di essere sicure di voi e continuare la vostra vita.
Per quanto possiate aiutare il vostro compagno, dovrete sempre ricordarvi che voi siete sempre al primo posto per voi stesse.  Dovrete sempre essere sicure di voi e continuare a vivere.
Ad esempio: il vostro partner, preso da un attacco di lunaticità, non vuole più uscire e si è chiuso in casa? Perfetto, cercate di aiutarlo con i consigli precedenti e se non funzionano, uscite comunque.  In questo modo farete capire al vostro partner che la vostra vita procede comunque anche senza di lui, che non reagire ai suoi attacchi di lunaticità fa del male solo a lui, e gli dimostrerete anche che siete indipendenti e non siete delle infermiere.

811

Gestire gli attacchi in presenza di amici e parenti

Il settimo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di non sottolineare un attacco di lunaticità di fronte ad amici e parenti.  Il vostro partner viene colto da uno dei suoi sbalzi d'umore? Perfetto, restate serene e calme, fate quasi finta di nulla e proseguite come avrete fatto fino a quel momento.  Manifestare disagio, o sottolinearlo di fronte ad altri, può essere una mossa controproducente che potrebbe portare il partner ad alimentare il malumore.

911

Abbiate inventiva

L'ottavo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di avere inventiva.
Avere un partner lunatico non è sempre un qualcosa di brutto, pesante o fastidioso.
Le persone lunatiche, se sapute trattare, hanno l'abilità di modificare il proprio umore anche in positivo.  Siate dunque cariche di inventiva: proponete al vostro partner qualcosa che gli faccia piacere e che lo distolga dal malumore, in modo tale che il momento no passi e venga sostituito da una lunaticità positiva.

1011

Il dialogo è importante

Il nono consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di dialogare con esso.  Parlare del problema con il vostro partner, con toni pacati e non accusatori, potrebbe offrirvi molti spunti di riflessione e suggerimenti per risolvere il problema, o comprenderlo meglio.

1111

L'aiuto di un professionista

Il decimo ed ultimo consiglio che vi suggerisco per gestire un partner lunatico è quello di rivolgervi ad un professionista.  Nel momento in cui gli sbalzi d'umore del vostro compagno cominceranno a risultarvi pesanti, per voi e per il vostro stesso compagno, rivolgersi ad uno psicologo potrebbe rivelarsi un valido aiuto per risolvere il problema.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vita di Coppia

Come comportarsi con una moglie scontrosa

Quando si sta vivendo da molti anni all'interno di quello che è un rapporto di coppia, la felicità della donna conta molto per un uomo; questo concetto è vero non solo perché la moglie si prende cura del proprio lui, ma anche perché, a causa di un...
Problemi Adolescenziali

Come superare la crisi adolescenziale

L'adolescenza è una fase critica della nostra vita, ci sentiamo sospesi tra due realtà, quella in cui siamo ancora bambini e dall'altra il nostro corpo ci comunica che stiamo crescendo e stiamo passando all'età adulta. I cambiamenti fisiologici sono...
Vita di Coppia

Come aiutare la moglie durante la menopausa

La menopausa è quella fase della vita della donna che indica il passaggio dall'età fertile alla "sterilità". Generalmente la donna vive momenti di effettivo malessere e le trasformazioni del suo corpo sono diverse. Gli sbalzi ormonali che sono tipici...
Amicizia

10 cose da non fare per stringere nuove amicizie

Nessun uomo è un'isola: tutti abbiamo bisogno di avere qualcuno al nostro fianco per progredire nella vita. E non si parla solo di amanti o partner per la vita, anche le amicizie sono elementi fondamentali nella vita di un uomo. Elementi che non è sempre...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi con un padre autoritario

Non tutti i genitori sono uguali! Nella coppia c'è sempre chi dei due è un po' più autoritario. In questo caso il soggetto che prenderemo in considerazione è il padre. Non sempre è un fatto negativo avere un padre autoritario, purché questo non...
Famiglia

Come aiutare una neomamma in difficoltà

Diventare mamma è davvero un'emozione unica e un grande dono. L'esperienza della maternità, pur essendo meravigliosa, spaventa molto le future mamme, perché esse sanno che dovranno affrontare molte sfide. Per fortuna però, è difficile che le donne...
Amore

Come capire se lui ti tradisce

Il tradimento è l'incubo della maggior parte delle donne. Capire se lui ti tradisce è un'esperienza molto dolorosa che nessuno vorrebbe affrontare. In questa guida proponiamo degli avvertimenti da considerare che non implicano il tradimento sicuro....
Amicizia

Come fare per tirarsi su di morale

A tutti capitano momenti in cui si viene assaliti da una terribile malinconia, apparentemente ingiustificata, in cui ci si chiude in se stessi. La pigrizia, o meglio il disinteresse per ciò che ci circonda, fa apparire onerosa anche la più semplice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.