Come celebrare in Italia un matrimonio misto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I matrimoni di cui intendiamo occuparci vengono comunemente denominati matrimoni misti. Con tale termine si intende il matrimonio tra persone di diversa credenza religiosa, appartenenti a chiese o confessioni religiose diverse od anche il matrimonio tra una persona credente ed una persona estranea ad ogni credenza od appartenenza religiosa. Alla diversità, sotto l'aspetto propriamente religioso, si accompagna però abitualmente un'altra e talora più profonda diversità: quella che coinvolge l'etnia, la nazionalità, le tradizioni, tutto quel complesso di stili di vita, mentalità, formazione culturale che concorre a delineare l'identità di una persona e del gruppo sociale a cui appartiene. Questa stretta connessione del fattore religioso con altri fattori è tanto più avvertibile nelle nostre società occidentali largamente e sempre più profondamente coinvolte in un processo di secolarizzazione, processo che porta a relegare la religione in una sfera esclusivamente individuale ed in posizione marginale rispetto alla vita, agli interessi, al modo di pensare e di agire delle persone. In questa guida vogliamo spiegarvi tutto l'iter burocratico su come celebrare in Italia un matrimonio misto.

26

Occorrente

  • Maggiore età
  • Permesso di soggiorno
  • Carta d'identità
  • Passaporto
  • Nulla osta o certificato di capacità matrimoniale
36

Tenendo presente ciò di cui si è parlato nel passo precedente, si deve constatare che il fenomeno dei matrimoni misti va assumendo in Italia una consistenza numerica in continua crescita, in relazione alla sempre più imponente ondata migratoria che sta interessando il nostro paese. È chiaro che la propensione al matrimonio misto aumenta quanto più cresce il numero degli immigrati che professano (come per lo più avviene) religioni diverse dalla religione cattolica. Innanzitutto rivolgetevi all'ufficio dello Stato Civile del vostro Comune cercando di essere in largo anticipo rispetto alla data in cui volete sposarvi. Se siete entrambe stranieri, portate con voi un interprete che possa aiutarvi a capire per bene la procedura.

46

Se siete straniero e volete sposarvi in Italia, il primo documento che dovete portare con voi e che è indispensabile, è il regolare permesso di soggiorno. Dovete aver compiuto i 18 anni di età o i sedici anni con una firma dei genitori o di un tutore autorizzato dal tribunale dei minori ma la cosa che conta effettivamente per poter contrarre matrimonio è il nulla osta del vostro paese di origine che dovete richiedere al consolato straniero in Italia e tale nulla osta deve essere opportunamente legalizzato. Alcune nazioni rilasciano, al posto del nulla osta, il certificato di capacità matrimoniale che è valido a tutti gli effetti.

Continua la lettura
56

Presentate quindi al Comune dove volete fare celebrare il rito, il permesso di soggiorno, il passaporto con un visto turistico non scaduto, la carta di identità. Se desiderate sposarvi in chiesa con rito cristiano cattolico, contattate il sacerdote della parrocchia che vi aiuterà ad espletare altre operazioni come la frequenza di un corso prematrimoniale obbligatorio per entrambi gli sposi. Le pubblicazioni con l'intenzione di sposarvi vengono affisse nel comune di residenza per almeno otto giorni consecutivi.

66

Dopo la celebrazione il parroco trasmetterà l'atto allo stato civile affichè il matrimonio abbia anche un valore giuridico. Se invece desiderate solo sposarvi con il rito civile, recatevi all'ufficio matrimoni del Comune con le carte di identità e lì vi faranno compilare un modulo di richiesta. Anche in questo caso i documenti da allegare alla domanda sono uguali a quelli del rito religioso ed anche qui verranno affisse le pubblicazioni con l'intenzione di sposarvi, per otto giorni almeno al Comune della vostra città. Vi sposerà il giorno stabilito dal Comune, un delegato del Sindaco o il Sindaco in persona.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Matrimonio

Come organizzare un matrimonio da favola

Il matrimonio è sicuramente l'evento più importante per le coppie innamorate. Che si scelga di celebrarlo con rituale civile o con uno religioso, che si scelga di circondarsi di mille invitati o di pochi intimi, che si scelga di festeggiarlo in una...
Matrimonio

Come celebrare il matrimonio in un'altra parrocchia

Abito, invitati, data, aspetti pratici, viaggio di nozze e chiaramente... Parrocchia! Sono questi solamente alcuni fra i temi caldi che ogni coppia in procinto di sancire davanti al Signore la propria unione con il vincolo sacro del matrimonio si trova...
Matrimonio

Come celebrare un matrimonio civile

In un'epoca dove tutto è aleatorio, la religione praticata non è più solo quella cattolica e la convivenza è una scelta di vita diffusa, per chi ancora decide di legalizzare la propria unione; il primo passo da compiere è sapere come ci si deve comportare...
Matrimonio

Come celebrare il matrimonio civile in un altro comune

Il matrimonio è un passo molto importante per la vita di ogni singolo individuo. Per questo motivo, è necessaria una sua corretta organizzazione che non lasci nulla al caso al fine di evitare spiacevoli inconvenienti proprio in un giorno così importante....
Matrimonio

Come organizzare un matrimonio sulla nave

Il matrimonio è un traguardo che si raggiunge in due e, per entrambi, vuole essere un giorno perfetto, da ricordare per tutta la vita. Organizzare un matrimonio, però, comporta una mole di lavoro piuttosto ampia. Avrete a che fare con la decorazione...
Matrimonio

Come organizzare un matrimonio in un castello

Avete deciso di sposarvi e, per celebrare il vostro giorno più bello, sognate una location fiabesca e suggestiva. La soluzione migliore (e più romantica) per esaudire il vostro desiderio consiste nel prenotare un castello per la cerimonia. Molti fidanzati...
Matrimonio

Come celebrare un matrimonio all'aperto

Tempo d'estate, tempo di feste e ricevimenti che, finalmente, possono essere organizzati e svolti all'aperto.Non c'è infatti sensazione più bella di quella di poter festeggiare un evento, sia semplice che più complicato, nella libertà di uno spazio...
Matrimonio

Come dare valore legale ad un matrimonio civile all'aperto

Negli ultimi tempi, anche l'Italia, sta uscendo dagli schemi tradizionali relativi al matrimonio. Questi "nuovi" tipi di matrimonio provengono dall'America e piacciono, in particolare, alle coppie che decidono di sposarsi con il rito civile ma che, allo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.