Come confessare un segreto

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

L’amicizia è un legame fortissimo, difficile da mantenere nel tempo e a volte, magari per vergogna o per non ferire l’altra persona o per tanti altri motivi che a noi sembrano validi, omettiamo parti di verità, diciamo qualche bugia o addirittura ci teniamo un segreto. E quando ci sentiamo in dovere di svelare le cose come stanno realmente, sappiamo bene che potremmo ferire la persona a cui teniamo o addirittura ledere per sempre l’amicizia che ci lega. Vediamo allora come confessare un segreto (piccolo o grande che sia), provando a farci, e soprattutto a fare, il meno male possibile. Ma notate bene: è un’azione che vi consiglio di ripetere solo una volta nella vita, perciò se avete la fortuna di essere perdonati non commettete ancora l’errore, specialmente non con la stessa persona.

25

Prima di tutto, in linea generale, sarebbe meglio non avere segreti né raccontare bugie. Un amico dovrebbe essere una persona fidata, alla quale vogliamo bene e che non feriremmo mai. E a volte la sincerità, anche se può arrecare dolore, è l’unica via per mantenere solida un’amicizia degna di tal nome. I segreti e le bugie ci logorano e alla fine, visto che prima o poi si scopre sempre la verità, mettono seriamente a rischio qualsiasi rapporto umano persino all’interno della famiglia. Tuttavia, visto che ormai il danno è stato fatto, proviamo ad uscirne emotivamente quasi illesi e con la nostra amicizia ancora in piedi. Primo consiglio: scegliete un luogo appartato, dove potete parlare tranquillamente senza essere interrotti né ascoltati da altri.

35

Dal momento che state confessando un segreto, siate sinceri fino in fondo, non omettete parti della storia né falsificate dei passaggi. Ma, soprattutto, provate a far capire al vostro amico il reale motivo per cui non avete voluto rivelargli prima quello di cui gli state parlando solo in quel momento. Cercate di non nascondervi dietro a giustificazioni vane né addossate la colpa, anche velatamente, a lui/lei. Non è colpa sua se non gli avete detto subito come stavano le cose, ma vostra. Scuse come “non te l’ho detto perché sapevo che avresti reagito così” non vi mettono in una buona posizione e rischiano anzi di scatenare le ire dell’amico, che in quel momento si sentirà tradito da voi e non vorrà certo sentirsi la causa delle vostre bugie od omissioni perché in realtà non lo è affatto, e voi lo sapete.

Continua la lettura
45

Ditegli che avevate paura di ferirlo, questo sì, e che vi rendete conto che mantenendo questo segreto avete solo peggiorato la situazione, ma non sapendo come affrontare l’argomento siete fuggiti dalla verità e dal confronto. Importantissimo: non dovete pretendere che l’amico vi perdoni perché siete in torto e avete poco da pretendere. Naturalmente, più tempo passa dal fatto nascosto al momento della confessione, e peggio è. Un classico: se avete baciato il ragazzo che piace anche alla vostra amica il quale però non è interessato a lei, non dico di dirglielo mentre è in lacrime tra le vostre braccia a causa del rifiuto, ma nemmeno poco prima di invitarla al vostro matrimonio. A volte il momento adatto fa molto più di mille parole. Infine, ricordate che nell’istante in cui decidete di tenere un segreto, state già incrinando un’amicizia, che si basa proprio sulla sincerità e sulla fiducia reciproche: meglio prevenire che curare. Perché a volte curare non vuol dire guarire.

55

L'importante, quando decidete di fare questo passo e confessare la verità, è di essere il più possibili sinceri, senza omettere nulla, neanche i più piccoli particolari. Infatti, se il vostro amico, nonostante tutto decidesse di perdinarvi e poi venisse accidentalmente a conoscenza di altri particolari che gli avevate tenuto nascosto, si sentirebbe di nuovo tradito e, questa volta non riuscirebbe a ristabilire il rapporto incrinato. Quindi occorre sincerità completa e un atteggiamento il più propositivo possibile, per evitare di cadere nuovamente nello stesso errore. Confessare un segreto, richiede inoltre una grande dose di umiltà perché è difficile convincere noi stessi che chi sta sbagliando siamo proprio noi. Ma è l'unico atteggiamento da usare per ripartire da capo in una relazione costruttiva, solo ammettendo di aver commesso un errore e solo chiedendo scusa umilmente, si può riuscire a ricostruire o perlomeno riparare, quella che è stata una bella amicizia..

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amicizia

Come confessare a un'amica che il fidanzato la tradisce

Il bello in un rapporto di amicizia è che l'uno può aprirsi e confidarsi con l'altro senza alcun tipo di problema, senza timori reverenziali o paura di ferire i sentimenti. La chiarezza e la schiettezza sono elementi fondamentali in un'amicizia. A volte...
Vita di Coppia

Come confessare un tradimento al partner

Il tradimento non è necessariamente un comportamento che diventa recidivo o volto alla separazione dal proprio partner. Spesso consiste in uno “scivolone” causato da un momento di debolezza che non per questo ci mette nelle condizioni di voler troncare...
Amore

Come confessare ad un amico di essere innamorata di lui

Innamorarsi di un amico rappresenta un possibile rischio a cui si può andare incontro, quando si è particolarmente complici e legati. L'affetto che si nutre l'uno per l'altro può trasformarsi in desiderio di condividere insieme ogni momento della propria...
Amore

Come confessare ad un ragazzo che ci piace

Il ragazzo che ti piace non è intenzionato a fare il primo passo? Tocca a te farlo, provando a leggere i miei consigli risulterà una cosa semplice. Spesso tutto ciò accade nei ragazzi in età adolescenziale e, a parte questo, con l'avanzamento della...
Matrimonio

Come dire al marito di averlo tradito

Nonostante il matrimonio parta dal presupposto che i due coniugi dovrebbero essere sempre reciprocamente fedeli, a volte possono capitare delle sbandate di testa e dei momenti in cui si perde il controllo di se stessi lasciandosi andare tra le braccia...
Amicizia

Come dire ad una amico che ti piace

Le relazioni amorose sono sempre difficili da gestire, soprattutto se poi ci si mette di mezzo l'amicizia. ="sub">Innamorarsi di un amico o un'amica è sempre una questione spinosa, e molto spesso si tende a reprimere i propri sentimenti per non rovinare...
Amicizia

Come non innamorarsi del migliore amico

Può esistere un'amicizia tra uomo e donna? Certo, a patto che non esista un'implicazione dal punto di vista sentimentale da parte dell'uno o dell'altra. Generalmente, se non scatta qualcosa che possa andare al di là un semplice rapporto amichevole,...
Amore

Come gestire una cotta per un uomo sposato

Innamorarsi di un uomo sposato non è certo una situazione semplice. Se è vero che al cuor non si comanda e che questi non sono quasi mai sentimenti che possiamo gestire con razionalità, ci sono anche comportamenti che andrebbero evitati, onde evitare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.