Come separarsi senza avvocato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

In ogni matrimonio, è risaputo, possono esserci momenti molto critici che possono poi portare alla decisione di separarsi. Molti però rimandano oppure preferiscono prendere strade diverse ed essere quindi separati solo nei fatti perché spaventati dalla burocrazia e dai costi del processo. In realtà bisogna sapere che non è necessario andare da un avvocato per separarsi, in quanto si tratta di un procedimento abbastanza semplice e che pertanto potrà essere esplicato dalle parti stesse senza costi aggiuntivi. Naturalmente è necessario che entrambe le parti siano consenzienti. Vediamo quindi insieme come separarsi senza avvocato.

24

Separarsi senza un avvocato dal punto di vista economico è sicuramente un vantaggio, dato che il risparmio sull'onorario sarà davvero consistente. Non vi resta infatti che pagare solo gli oneri tribunali che dovreste comunque corrispondere al tribunale. Si tratta del cosiddetto contributo unificato pari ad euro 87,00; acquistabile presso un qualsiasi tabacchi.
Il modulo si può scaricare da internet andando sul sito del tribunale di competenza.
Nel caso in cui non si possa accedere ad internet ci si può recare presso la cancelleria del tribunale competente per ritirare la copia del modulo richiesto.

34

Nel caso in cui ci fossero figli è bene però essere informati in merito all'attuale normativa. In caso infatti di affidamento condiviso con collocazione dei figli presso la casa coniugale, la legge prevede che l'assegnazione della stessa dovrà avvenire in favore del coniuge che vivrà in casa con i figli. L'assegnazione della casa coniugale avverrà indipendentemente dalla proprietà esclusiva da parte di uno dei coniugi. Nel caso di assenza di figli invece la casa resterà al coniuge proprietario della stessa. Attenzione in base alle recenti normative l'IMU dovrà essere pagato dal coniuge che abita la casa familiare indipendentemente che ne sia o meno proprietario. Questa è un'importante rivoluzione rispetto all'ICI.

Continua la lettura
44

Una volta depositato il ricorso andate a controllare dopo circa 20-30 giorni se è stata fissata l'udienza, a volte basta solo telefonare. Vi presenterete insieme il giorno dell'udienza davanti al giudice designato, confermerete la volontà di separarvi, firmerete il verbale di causa e dopo pochi minuti sarà tutto finito.
Decorso un tempo variabile a seconda del Tribunale, otterrete l'omologa delle condizioni di separazione così come da voi stabilite. Ricordate che il termine di 3 anni per richiedere il divorzio decorrerà dal giorno in cui vi siete presentati avanti il giudice e non dalla data dell'omologa. Purtroppo il divorzio anche se congiunto necessita di un avvocato.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Separazione e divorzio con la negoziazione assistita

La Legge N. 162 del 10 novembre 2014, consente a chi ha deciso di separarsi o divorziare, di velocizzare i tempi e ridurre i costi di queste complesse procedure. I coniugi italiani, infatti, possono ricorrere alla negoziazione assistita e in pochi giorni...
Divorzio

Come divorziare senza avvocati

Il divorzio è l'istituto giuridico che permette lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio quando tra i due coniugi è venuta meno la comunione spirituale e materiale di vita ed essa non può essere in nessun caso ricostituita....
Divorzio

Come rinunciare all'assegno di mantenimento

Separarsi dal proprio coniuge non è mai una cosa facile. A volte bisogna anche affrontare percorsi burocratici complessi. Per fortuna non è il caso della rinuncia all'assegno di mantenimento. Ma vediamo insieme cos'è un assegno di mantenimento. È...
Divorzio

Come avviare una pratica di divorzio

Alcune volte dopo essersi sposati cambiano alcune cose all'interno della coppia, non si va più d'accordo, tradimenti o, frustrazioni, disagi e qualsiasi altro tipo di problema porta ad un deterioramento della coppia. Per prima cosa si cerca di aggiustare...
Divorzio

Come si svolge l'iter per il divorzio

L’iter per il procedimento di divorzio è un percorso che nessuna coppia vorrebbe essere costretta ad intraprendere, ma che in alcuni casi diviene purtroppo l’unica via percorribile per continuare a vivere in modo sereno. In Italia, i tempi per il...
Divorzio

La separazione giudiziale: come funziona

Bisogna premettere che la separazione giudiziale funziona come un semplice allontanamento dei coniugi, in cui essi non pongono fine al matrimonio, né viene meno lo stato civile di “coniugato”. Pertanto, gli effetti che determina la separazione incidono...
Matrimonio

Cosa fare se il partner non vuole separarsi

Lasciare il proprio partner è sicuramente un qualcosa di molto difficile, specialmente se la nostra storia dura da diverso tempo oppure nel caso il nostro partner non ne voglia sapere di separarsi da noi. Tuttavia spesso per il benessere di entrambi...
Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge

In questa guida vi spieghiamo come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge. Nel momento in cui si ricorre alla separazione legale, il giudice riconosce al coniuge meno abbiente il diritto di ricevere dall'altro un assegno di mantenimento. È necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.