Come superare la crisi adolescenziale

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'adolescenza è una fase critica della nostra vita, ci sentiamo sospesi tra due realtà, quella in cui siamo ancora bambini e dall'altra il nostro corpo ci comunica che stiamo crescendo e stiamo passando all'età adulta. I cambiamenti fisiologici sono preoccupanti per chi è più sensibile e spesso non si accetta il proprio corpo e ci si trova mille difetti. Per noi adulti, che già abbiamo vissuto questo periodo non dovrebbe essere difficile stare vicino ai nostri ragazzi e aiutarli a superare le difficoltà emozionali che incontrano. Nella fase dell'adolescenza i ragazzi manifestano difficoltà di diverso genere, ad esempio nel rapporto con i genitori o con gli adulti in genere o con i coetanei, o con la scuola e le varie istituzioni. Questa è l'età del cambiamento come la stessa etimologia della parola implica: infatti, "adolescere" deriva dal latino "crescere". Queste modificazioni fanno parte del ciclo di vita ma spesso sono motivo di conflitti. Vediamo cos'è e come superare la crisi adolescenziale. (Immagine presa da www. Rat-man. Org).

24

Quando si arriva all'età giovanile, soprattutto in fase adolescenziale, è difficile accettarsi per quello che si è, in quanto da un lato c'è la volontà di restare bambini mentre, dall'altro, la voglia di crescere. È questo uno dei motivi per cui, in questo specifico periodo, si affronta una vera e propria crisi d'identità. Il rapporto con gli altri si mette in discussione, alcune cose che fino a pochi mesi fa ci piacevano adesso non le accettiamo più o peggio le odiamo.

34

Le differenze si manifestano in entrambi i sessi ma la maniera di affrontare i problemi spesso è diversa e varia anche in base al carattere. Partiamo dalle femminucce. Queste si trovano per prime ad affrontare alterazioni sia fisiche che emotive. Ogni ragazza ha i suoi tempi di maturazione. Il primo cambiamento deriva certamente dall'arrivo del ciclo mestruale, che conferma l'inizio dell'età fertile e, dunque, della capacità di procreare. Quest'ultima richiede un lungo percorso di maturità e di consapevolezza che dovrebbe portare alla gestione responsabile di questo potenziale sia da parte della femminuccia che del maschietto. Si notato cambiamenti fisici come la crescita del seno, i fianchi più pronunciati, l'acne giovanile, un aumento della peluria in varie parti del corpo e un cambiamento nell'emanazione degli odori. Tutti questi fattori portano a continui sbalzi d'umore mettendo in crisi la ragazza. Spesso è di cattivo umore e risponde male ai genitori facendo vere e proprie scenate che non si sa come gestire.

Continua la lettura
44

La metamorfosi dei maschi avviene, invece, in modo più brusco e radicale, infatti, si possono notare: una notevole crescita in altezza e della massa muscolare; l'evoluzione della voce che diventa più matura; la pelle del viso diventa più ruvida inizia a comparire la barba; varie parti del corpo si ricoprono di peluria; si assiste ad uno sviluppo radicale dei caratteri sessuali principali. Come le femmine, così anche i maschi hanno i propri tempi di maturazione e di trasformazione, ma il tutto avviene con un netto ritardo rispetto alle prime. In conclusione possiamo affermare che, per aiutare i ragazzi a superare questo periodo, bisogna fargli accettare il proprio corpo, le proprie forme e, soprattutto, il loro cambiamento caratteriale in maniera del tutto graduale, in modo da non metterli ulteriormente sotto pressione. Se la situazione si gestisce in maniera serena, senza creare drammi, questo periodo passerà senza traumi per nessuno. Ricordiamo ai nostri ragazzi che questa è un età bellissima che devono vivere con serenità e con la consapevolezza che ogni fase della vita va vissuta con gioia e con pienezza.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Problemi Adolescenziali

Come Comportarsi Con Gli Adolescenti

Capita spesso ritrovarsi alle prese con un figlio che non riconosciamo più e che, puntualmente, dice di non stimarci più e che non valiamo niente. Manteniamo la calma. Non andiamo in crisi, perché siamo solo di fronte ad un figlio in piena ribellione...
Problemi Adolescenziali

Come affrontare la paura della novità

È risaputo che qualcosa che non conosciamo, provochi in noi un forte senso di paura. Il termine novità, che in un comune dizionario italiano indica "ciò che si presenta per la prima volta", è qualcosa di cui non abbiamo mai avuto esperienza, e che...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi quando il figlio ha la prima cotta

Quando il proprio figlio ha la prima cotta, molti genitori entrano nel panico. Iniziano ad alimentarsi in loro ansie, dubbi e paure. In realtà questa fase non dovrebbe essere vissuta con timore, ma come una normale evoluzione psico-sociale del proprio...
Problemi Adolescenziali

Consigli per migliorare il rapporto coi genitori

Il rapporto genitori figli è stato da sempre opera di discussione dalla gente comune, e materia di studio per gli esperti. Si può affermare con certezza che la causa principale di tale problema è spesso riconducibile al distacco generazionale che si...
Problemi Adolescenziali

10 domande da non fare a un figlio adolescente

L'adolescenza è un periodo molto difficile della vita e, nonostante ci siamo passati tutti, sembriamo non riuscire ad instaurare un rapporto sereno con i nostri figli o nipoti. Gli adolescenti si trovano a dover affrontare i primi "problemi" della vita,...
Famiglia

Come essere un buon padre

Essere padre oggi significa molte cose. Se a questo si aggiungono le qualità che un uomo dovrebbe già possedere per essere un buon padre, il discorso diventa ancora più complesso. La guida proposta non va considerata come un decalogo o un insieme di...
Amore

Come riconoscere un colpo di fulmine

Siete nell'età adolescenziale e cominciate ad avvertire i primi sintomi di affetti particolari, ma non sapete come riconoscere se si tratta di un semplice colpo di fulmine nei confronti di un ragazzo o di una ragazza? Bene, allora leggete la guida di...
Amore

Come gestire una notevole differenza d'età

Può capitare che una donna giovane si innamori di un uomo molto più grande di lei. Questa situazione diventa difficile da sostenere e da affrontare specialmente per una ragazza. Se è vero che l'amore non ha età, allora è vero che bisogna anche saper...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.