Separazione: consigli su come superare i conflitti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Affrontare una separazione non è mai una cosa semplice, soprattutto dal punto di vista emotivo e psicologico. Infatti, il processo di separazione ha sotto questi aspetti molti punti in comune con l'elaborazione di un vero e proprio lutto. Quando un divorzio non è stato elaborato o lo è stato solo parzialmente può portare con sé sensi di colpa e dinamiche coniugali che alimentano i conflitti. Riuscire a superare queste dinamiche nocive è possibile: ecco i nostri consigli su come fare.

26

Lasciarsi il passato alle spalle

Quali siano i motivi che hanno portato al divorzio, il primo passo necessario per poter evitare di generare conflitti dannosi per ciascun membro della famiglia è senz'altro quello di cercare di mettere una bella pietra sopra sul passato. Stare lì ad incolparsi a vicenda del fallimento del matrimonio, scaricare le proprie frustrazioni a riguardo sull'ex partner, o peggio, sui figli, non porta da nessuna parte, anzi. Il processo di separazione è di per sé doloroso e bisogna riconoscere e accettare questo dolore. Inutile vergognarsi di soffrire, angustiarsi se magari si nota che l'ex partner affronta in maniera diversa il momento, cercare di tenere a bada la sofferenza che la separazione porta con sé. Siamo umani e il provare dolore per qualcosa che finisce, anche se magari non siamo noi ad aver subito questa decisione, è perfettamente normale.

36

Incanalare i sentimenti negativi

Il dolore per la separazione porta con sé tutta una serie di sentimenti negativi, tra cui la rabbia. Questo sentimento è perfettamente comprensibile, accettatelo allo stesso modo del dolore come una fase di elaborazione. Arrabbiatevi, piangete, ma non sfogate il tutto contro voi stessi, il partner o la famiglia. In questo momento bisogna incanalare i sentimenti negativi per favorirne il cambiamento. Cosa sia stato il vostro matrimonio e la vostra vita di coppia è ormai andato, quindi lasciatelo andare.

Continua la lettura
46

Comunicare la separazione ai figli

Comunicare che ci si sta separando ai propri figli è notoriamente difficoltoso. Spesso si sceglie di non dire nulla o mentire finché magari non sono abbastanza grandi per capire, o cose simili. Niente di più sbagliato. I bambini sono molto sensibili riguardo le dinamiche familiari e molto probabilmente hanno già intuito che qualcosa tra voi e il partner non va. Nel momento in cui si prende la decisione di dare un taglio è essenziale, per evitare ulteriori conflitti familiari, mettersi d'accordo su come e cosa dire ai propri figli. In questo caso fate squadra con il vostro ex partner e parlatene assieme. Mettete il benessere dei vostri figli sopra ogni cosa, accettate il loro dolore e le manifestazioni di rabbia che potrebbero avere nei vostri confronti e cercate di trasmettere loro che tutto è superabile.

56

Assecondare il cambiamento del proprio ruolo nella famiglia

Il divorzio apre la strada ad una nuova fase della vostra vita e ad un cambiamento del vostro ruolo all'interno della famiglia. Si dovrà dire addio alle vecchie abitudini, al modo in cui si gestiva la quotidianità soprattutto nel rapporto con i figli. Qui la parola d'ordine è flessibilità. Qualora subentrino problemi si dovrà imparare a gestirli con estrema autonomia senza poterli delegare al partner; si dovrà cercare di mantenere il più possibile una continuità educativa per quanto riguarda i figli cercando anche momenti di condivisione e scambio di opinioni con l'ex partner. La cosa fondamentale è capire che tutti questi cambiamenti non equivalgono ad uno smarrimento di sé stessi. Si cambia semplicemente forma.

66

Gestire al meglio il nuovo rapporto con l'ex partner

Mettete in conto che i litigi ci saranno, e che soprattutto nel periodo successivo alla separazione sono del tutto normali. Spesso quando finisce una relazione litigare con l'ex partner resta l'unico modo per mantenervi un legame. Niente di più nocivo, soprattutto per la vostra salute psicologica. Che senso ha separarsi se poi si continua a litigare sempre sulle solite cose? Avete dato un taglio alla relazione, date un taglio pure ai conflitti inutili. Smettetela di puntarvi il dito contro, siate tolleranti e comunicate. E soprattutto non utilizzate i figli come pretesto: questo serve solo a creare un clima di astio che pregiudica la loro crescita come individui.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Divorzio: come lasciarsi senza rancore

Divorzio: come lasciarsi senza rancore. La situazione non è semplice e neanche facile da realizzare, in quanto rancori tra le parti e ripicche sono all'ordine del giorno. Ma se le parti in scontro parlano chiaramente e senza incolparsi l'uno con l'altro...
Divorzio

Come avviare una pratica di divorzio

Alcune volte dopo essersi sposati cambiano alcune cose all'interno della coppia, non si va più d'accordo, tradimenti o, frustrazioni, disagi e qualsiasi altro tipo di problema porta ad un deterioramento della coppia. Per prima cosa si cerca di aggiustare...
Divorzio

Separazione e divorzio con la negoziazione assistita

La Legge N. 162 del 10 novembre 2014, consente a chi ha deciso di separarsi o divorziare, di velocizzare i tempi e ridurre i costi di queste complesse procedure. I coniugi italiani, infatti, possono ricorrere alla negoziazione assistita e in pochi giorni...
Divorzio

Come affrontare un divorzio se si hanno dei bambini

Il divorzio (o lo scioglimento del matrimonio) è la terminazione di una unione coniugale che cancella i doveri e le responsabilità giuridiche da essa derivanti e che dissolve il vincolo matrimoniale tra le parti (a differenza dell'annullamento che dichiara...
Divorzio

Divorzio in Italia: i tempi e i costi

La legge sul divorzio venne introdotta in Italia nel 1970. Con il divorzio si scioglie il vincolo matrimoniale, sulla base di alcuni elementi. In particolare: uno dei due coniugi ha subito una condanna per un reato grave oppure, vengono meno i sentimenti...
Divorzio

La separazione giudiziale: come funziona

Bisogna premettere che la separazione giudiziale funziona come un semplice allontanamento dei coniugi, in cui essi non pongono fine al matrimonio, né viene meno lo stato civile di “coniugato”. Pertanto, gli effetti che determina la separazione incidono...
Divorzio

Come si svolge l'iter per il divorzio

L’iter per il procedimento di divorzio è un percorso che nessuna coppia vorrebbe essere costretta ad intraprendere, ma che in alcuni casi diviene purtroppo l’unica via percorribile per continuare a vivere in modo sereno. In Italia, i tempi per il...
Divorzio

Comunione o separazione dei beni

Gli articoli 143 e 147 del Codice Civile regolamentano gli obblighi economici dei coniugi nell'ambito familiare e dei figli. Per legge, i futuri sposi devono scegliere il regime patrimoniale tra comunione o separazione dei beni. È una scelta emotivamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.