10 bugie che i genitori dicono ai figli

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Ebbene sì, per essere dei bravi genitori spesso occorre raccontare qualche bugia. La maggior parte delle volte è a fin di bene, per semplificare la vita a tutti. Quando però i figli scoprono che i genitori hanno raccontato delle bugie spesso ci rimangono molto male.
Se non volete sentirvi in colpa leggete le 10 bugie che più spesso i genitori dicono ai figli. Capirete così di essere in buona compagnia.

211

Babbo Natale esiste e ti porta i regali solo se sarai bravo

Lo abbiamo creduto tutti, perché è una delle bugie che tutti i genitori raccontano ai propri figli. È un modo per far credere ai bambini che il mondo è bello e che le favole esistono. Ed è anche un modo per convincere i bambini a stare buoni, almeno per i successivi 10 minuti!

311

Se dici le bugie ti cresce il naso

Sarà colpa di Pinocchio, ma ogni volta che un genitore pensa che i figli mentano gli racconta che le bugie fanno crescere il naso. Ecco che per la paura il bambino confesserà tutto, almeno finché non si renderà conto della presa in giro. Intanto però qualche marachella l'abbiamo scoperta.

Continua la lettura
411

Ma che bello il tuo disegno!

Questi figli bisogna sempre gratificarli. E allora i genitori finiscono spesso per raccontare (e raccontarsi?) che i disegni e tutti i lavoretti che fanno i loro figli sono fantastici. Eh sì, è una bugia bell'e buona, a meno che tra i vostri figli non ci sia il futuro Raffaello.

511

Non ho soldi con me

Oppure "Questo non lo vendono mica", "È già stato prenotato da un altro bambino", etc. Le varianti possono essere diverse, ma il succo rimane lo stesso: "Io vorrei proprio comprartelo, ma purtroppo non è possibile". Ma a volte i genitori non sanno come dire l'ennesimo no alle richieste di comprare qualcosa.

611

Se non vieni, ti lascio qui da solo

Nessun genitore abbandonerebbe mai i figli solo per qualche capriccio. Eppure questa è una di quelle bugie che raccontano tutti i genitori. La paura di essere davvero lasciato lì farà correre immediatamente il bambino verso il papà o la mamma, evitando le scenate e le perdite di tempo.

711

Vedrai che non fa male

Come convincere i propri figli a fare i bravi dal dottore, dal dentista o durante la puntura? Spesso l'unico metodo è l'inganno. Le urla e i pianti saranno altrimenti impossibili da sedare e il bambino non si farà né avvicinare né toccare. Non ci resta che sperare che subito dopo dimentichino la bugia.

811

Adesso andiamo a dormire anche noi

Chiaro che non andiamo a dormire alle 9 di sera, anche perché è forse l'unico momento in cui i genitori hanno un po' di pace liberi dai propri figli. Ma con questa scusa il bambino non cercherà di rimanere sveglio per giocare con gli adulti, per non perdersi chissà quali cose fantastiche.

911

Mettilo a posto o lo butto

È un'altra tra le bugie più classiche per convincere i figli a tenere un attimo in ordine. Non funziona quasi mai, eppure ci si prova sempre. Magari otterremo che il bambino sposti il gioco dalla vista dei genitori, ma probabilmente ce lo troveremo tra i piedi appena gireremo l'angolo.

1011

Il gelato è finito

La torta, il gelato, i biscotti, la cioccolata. È tutto finito! Non c'è più nulla di buono da mangiare! La speranza è che i bambini smettano di chiedere e mangiare dolciumi, scongiurando il pericolo di farli diventare delle piccole palle oppure che non mangino a pranzo o a cena perché già sazi.

1111

Il cagnolino si è addormentato

E poi è partito per un viaggio. Per i genitori è difficile raccontare ai propri figli che il loro adorato cagnolino, il gatto o anche solo il pesce rosso è arrivato alla fine della propria vita. Molti preferiscono quindi raccontare che i loro pets stanno dormendo oppure sono partiti per un lungo viaggio. Arriverà il momento in cui si potrà parlare di un argomento delicato come la morte.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come comportarsi con i propri genitori

Il rapporto genitori-figli è molto complicato, specialmente in alcune fasi della crescita del ragazzo. A fronte di genitori troppo apprensivi, ci sono figli che vorrebbero maggiore libertà. Ma davvero sono i genitori ad opprimerci, oppure siamo noi...
Famiglia

Come convivere con i genitori anziani

Fino ad una certa età, i genitori possono occuparsi dei propri figli senza alcuna difficoltà grazie al loro infinito amore. Quando i parenti diventano anziani, i compiti sembrano invertirsi. A quel punto, sono proprio i figli a doversi prendere cura...
Famiglia

Come aiutare i figli il primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola ha sempre simboleggiato uno stato d'animo di ansietà, paura, inquietudine e fonte di preoccupazione di genitori e figli, di qualsiasi età. Spesso, i genitori hanno timore che i loro bambini non siano in grado di affrontare...
Famiglia

Come rispondere alle richieste di soldi dei figli

Rispondere alle richieste di denaro da parte dei figli, non sempre rappresenta il mezzo adatto per garantirgli una crescita sana ed armoniosa. Un aspetto da tenere in considerazione è fare in modo che i figli mantengano un buon equilibrato con il denaro....
Famiglia

Tradimento: come evitare ripercussioni sui figli

Si vive ormai in una realtà fatta di conflitti, di incompatibilità e di separazioni. Il più delle volte ci si scontra, ci si arrabbia fino a generare delle vere e proprie guerre. Ci si riferisce naturalmente a quei confitti interni nell'ambito familiare...
Famiglia

Come dire ai propri genitori che si vuole andare a convivere

Andare a convivere con il proprio partner è sicuramente una decisione importante che cambierà le abitudini di tutta la famiglia d'origine. Quando una coppia prende questa decisione, spesso a soffrirne sono i genitori, i quali desidererebbero che i figli...
Famiglia

10 motivi per passare più tempo con i tuoi figli

Essere genitori è un lavoro molto difficile. Un buon genitore deve essere capace di stabilire un rapporto equilibrato con i propri figli. Avventure, litigi ed esperienze faranno indelebilmente parte del bagaglio culturale e comportamentale delle tue...
Famiglia

Come convincere i genitori ad aumentare la paghetta

Molti genitori - risorse economiche permettendo - concedono una paghetta ai propri figli. Questa può essere settimanale o mensile, in base alla disponibilità di mamma e papà. Oggi anche gli adolescenti hanno le loro esigenze personali che richiedono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.