10 motivi per non litigare davanti ai figli

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Spesso la vita frenetica di tutti i giorni rende la vita di coppia difficile e impegnativa. Ci si trova a scontrarsi e a litigare anche per cose banali e, senza rendersene conto, ci troviamo a discutere davanti ai bambini. Tale comportamento è sbagliato e dannoso per i figli e per la loro crescita. Guardiamo insieme, allora, dieci motivi per non litigare davanti ai bambini.

211

Li carichiamo di ansia

Vedere i genitori litigare, crea nei bambini uno stress e un'ansia di cui spesso non ci rendiamo conto. I genitori sono la base sicura, il punto di riferimento per i figli. Vederli litigare, per i bambini, è un evento traumatico che li carica di tensione che poi non sanno come gestire.

311

Creiamo in loro il senso di colpa

I bambini vivono in un mondo egocentrico, in cui pongono se stessi al centro di ogni cosa. Assistere ai litigi dei genitori può portarli a credere di essere la causa della discussione, specie se il litigio riguarda, anche solo in parte, un qualche aspetto della loro vita o della loro educazione.

Continua la lettura
411

Potrebbero schierarsi con uno dei due

Quando assistono ad un litigio, specie se a discutere sono i genitori, i bambini tendono a prendere le parti di uno dei due senza neanche rendersene conto. In questo modo, il bimbo potrebbe schierarsi con uno dei due creando nuovi tensioni e problemi ancora più complessi da gestire.

511

Potremmo danneggiare il suo sviluppo psico-affettivo

Litigare davanti ai bambini è sbagliato e si sa. Oggi però, lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista Neurolmage dai ricercatori dell'Università East Anglia secondo il quale, le urla, le discussioni e le recriminazioni, possono andare ad inficiare il corretto sviluppo mentale del bambino, creando loro grossi problemi nell'adolescenza.

611

Potrebbe strumentalizzarci

Assistere ai litigi, coalizzarsi con uno dei due genitori e diventare parte sempre attiva della discussione, conferisce al bambino un potere. Con il passare del tempo potrebbe usare il genitore più debole per raggiungere i suoi obiettivi attraverso piccoli ricatti o stratagemmi, tipo: "tu mi dici sempre no..." E così via!

711

I bambini apprendono per imitazione

Non è sufficiente dire a un bambino cosa fare e come comportarsi, occorre fargli vedere nella quotidianità quale il modo di relazionarsi con gli altri. Un bambino che vive nella tensione, al quale mostriamo l'aggressività e la non tolleranza, imparerà dal nostro comportamento.

811

Potrebbero sorgere dei "sintomi"

Un bambino che assiste ad un litigio dei genitori, potrebbe manifestare, nelle ore o nei giorni successivi, dei comportamenti "sintomatici", per attirare l'attenzione su di se sperando che, in una situazione simile, i genitori si riavvicinino per occuparsi di lui.

911

Anche i bambini molto piccoli percepiscono la tensione

Bisogna cercare di evitare i litigi anche dinanzi ai bambini di pochi mesi. Non bisogna pensare, infatti, che siano troppo piccoli per capire. Sin dai primi mesi, infatti, il bambino ha la capacità di percepire la tensione: il tono della voce alto o rumori forti, sicuramente non aiutano a creare l'ambiente perfetto per la sua crescita.

1011

Potremmo creare in loro un trauma

I bambini che assistono a tali litigi, non hanno spesso la capacità di elaborare a livello cognitivo l'evento traumatico. Apparentemente potrebbero non mostrare alcun sintomo ma poi, l'evento traumatico, potrebbe ricomparire e creare in loro grosse difficoltà relazionali.

1111

Cosa fare se è capitato?

Se proprio non siamo riusciti ad evitare lo scontro, non facciamone un dramma. Sarà comunque preferibile avere un piccolo confronto con il bambino utile a tutti: ai genitori per vedere con gli occhi del figlio l'accaduto, e per il bambino per ridimensionare l'accaduto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

5 buoni motivi per non litigare con i vicini

Chi non ha mai desiderato andare dall'inquilino di sopra per chiedergli perché si deve mettere a spostare i mobili alle 3 del mattino? Oppure dal dirimpettaio perché la musica a tutto volume non sempre è gradita, soprattutto quando magari si torna...
Famiglia

10 motivi per riconciliarti con il padre dei tuoi figli

Se con tuo marito o il tuo compagno le cose sono finite e non sono finite bene, potresti non avere più nessuna voglia di relazionarti ancora con lui. Eppure, se anche non è più un compagno, resta il padre dei tuoi figli e pensare al loro bene è la...
Famiglia

10 motivi per passare più tempo con i tuoi figli

Essere genitori è un lavoro molto difficile. Un buon genitore deve essere capace di stabilire un rapporto equilibrato con i propri figli. Avventure, litigi ed esperienze faranno indelebilmente parte del bagaglio culturale e comportamentale delle tue...
Famiglia

Tradimento: come evitare ripercussioni sui figli

Si vive ormai in una realtà fatta di conflitti, di incompatibilità e di separazioni. Il più delle volte ci si scontra, ci si arrabbia fino a generare delle vere e proprie guerre. Ci si riferisce naturalmente a quei confitti interni nell'ambito familiare...
Famiglia

10 segreti per rendere speciale il rapporto con i figli

Avere una bella relazione con i propri figli è qualcosa di molto importante per voi, ma soprattutto per loro. Il genitore rappresenta infatti una delle figure più determinanti per l'infanzia e la vita del figlio, pertanto, il rapporto che avrete con...
Famiglia

Come accettare i figli del proprio compagno

Il concetto di famiglia è sempre in continua evoluzione e non esiste più solo la classica triade madre-padre-figli, ma si continuano a formare sempre più quelle che vengono definite famiglie allargate. Quando i genitori si separano perché non vanno...
Famiglia

10 consigli per affrontare i conflitti tra genitori e figli

Il rapporto tra genitori e figli è una relazione a priori molto complessa. Le differenze generazionali, lo stress, i ritmi frenetici quotidiani scatenano ed accentuano le incomprensioni. L'adolescenza, inoltre, è una fase molto delicata. Costituisce...
Famiglia

10 bugie che i genitori dicono ai figli

Ebbene sì, per essere dei bravi genitori spesso occorre raccontare qualche bugia. La maggior parte delle volte è a fin di bene, per semplificare la vita a tutti. Quando però i figli scoprono che i genitori hanno raccontato delle bugie spesso ci rimangono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.