Assegno di mantenimento: come calcolarlo

Tramite: O2O 14/07/2014
Difficoltà: facile
16

Introduzione

È indubbio che oggi uno dei pilastri della società, la famiglia, è grandemente messo in discussione, se non in aperta crisi, da gravi situazioni che possono verificarsi al suo interno e che sono la causa di separazioni che si concludono con un divorzio. Alcuni affermano che le principali cause della rottura sono da imputare all'incompatibilità di carattere che si manifesta nel corso degli anni, per cui ci si accorge di non avere più niente da dirsi, di non essere fatti l'uno per l'altra, o la fiducia, quando viene letteralmente distrutta e dopo è quasi impossibile ricostruirla, e la comunicazione, quando non si riesce più a parlare. Nel caso in cui si arrivi ad una separazione definitiva, la persona offesa dovrà ricevere mensilmente dal coniuge un assegno di mantenimento, che consiste in una somma di denaro che un genitore o un coniuge deve versare all'altro a fine mese allo scopo di partecipare alle spese per il mantenimento del coniuge più debole economicamente o dei figli fino alla loro effettiva indipendenza economica. L'assegno di mantenimento è regolato dall'articolo 30 della Costituzione Italiana, che stabilisce "il diritto e il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli". L'obbligo del mantenimento è valido sia per i figli minorenni, che per quelli maggiorenni nel caso in cui non lavorassero o che non siano in possesso di un proprio reddito. Nei passi successivi si spiegherà come calcolarlo.

26

Occorrente

  • Buon senso
36

In generale l'assegno di mantenimento, sia per i figli che per il coniuge, viene calcolato, prevalentemente, sul reddito del coniuge obbligato a tale mantenimento, includendo anche il valore del patrimonio in suo possesso come attività, mobili, case, ecc... Normalmente ai figli viene affidata la casa coniugale, ovvero la residenza nella quale hanno vissuto i due coniugi, ma nel caso in cui la casa sia in affitto, il coniuge deve aumentare il valore dell'assegno in modo tale che possa compensare le spese del canone di locazione.

46

Secondo la giurisdizione italiana per stabilire l'importo dell'assegno di mantenimento, secondo ciò che è stato stabilito nella sentenza della Corte di Cassazione n° 6698 del 2009, il giudice deve accertare innanzitutto il tenore di vita che i coniugi avevano durante il vincolo matrimoniale. Dopodiché si dovrà verificare se il coniuge beneficiario dell'assegno di mantenimento abbia i mezzi economici adeguati a mantenere e conservare lo stesso tenore di vita che aveva durante il matrimonio a prescindere dalla percezione dell'assegno stesso.

Continua la lettura
56

Generalmente la somma dell'assegno di mantenimento è calcolato a "non più di un terzo" dello stipendio del coniuge obbligato: per esempio se il coniuge guadagna 1.200 euro ogni mese, l'assegno che è obbligato a versare ammonterà a 400 euro. Inoltre la giurisdizione italiana stabilisce che la cifra dell'assegno deve ammontare da un minimo di euro ad un massimo di 320 euro per un solo figlio, mentre va da 210 euro a 420 euro se si tratta di due o più figli a carico.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercare di raggiungere un accordo pacificamente senza danneggiare la prole
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento

Per stabilire l'assegno di mantenimento, non bisogna basarsi su dei parametri ben precisi e definiti, in quanto il più delle volte è il giudice che definisce l'importo. Tuttavia, si possono tenere in considerazione vari criteri, utili a farsi un'idea...
Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge

In questa guida vi spieghiamo come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge. Nel momento in cui si ricorre alla separazione legale, il giudice riconosce al coniuge meno abbiente il diritto di ricevere dall'altro un assegno di mantenimento. È necessario...
Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento dei figli

In questi ultimi anni stanno aumentando esponenzialmente le separazioni e i divorzi, ponendo in primo piano la questione riguardante il mantenimento dei figli. La Costituzione sostiene che i genitori hanno l'obbligo di mantenere ed educare i figlia, minorenni...
Divorzio

Come funziona la procedura del divorzio

Il divorzio è un istituto che porta allo scioglimento di un matrimonio. Con esso termina lo status di coniuge consentendo ai due membri della coppia, ormai liberi, di potersi nuovamente sposare. In questa guida vedremo in maniera molto semplice come...
Divorzio

5 domande da porti prima di chiedere la separazione

Le separazioni non sono mai cosa facile purtroppo. Le coppie in Italia si separano sempre di più questo è indice che la scelta della persona giusta viene presa molto più in fretta rispetto al passato. Purtroppo però certe volte separarsi è la scelta...
Divorzio

Guida ai diritti e doveri dei coniugi separati

L'amore è una cosa meravigliosa, ma come tutte le cose belle, a volte finisce e lascia dietro di se l'amaro. Purtroppo ci si sente ancora peggio, quando si deve aver a che fare con la burocrazia e le leggi che disciplinano i rapporti coniugali. In mancanza...
Divorzio

Come fare se l'ex marito non versa le spese straordinarie

Di solito, nelle sentenze che sanciscono una separazione o un divorzio, il giudice stabilisce che il genitore a cui sono stati affidati i figli debba comunque contribuire al loro mantenimento. La modalità più utilizzata è quella che prevede il versamento...
Divorzio

Come avviare una pratica di divorzio

Alcune volte dopo essersi sposati cambiano alcune cose all'interno della coppia, non si va più d'accordo, tradimenti o, frustrazioni, disagi e qualsiasi altro tipo di problema porta ad un deterioramento della coppia. Per prima cosa si cerca di aggiustare...