Come annullare un matrimonio civile

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Quando si parla della fine di un matrimonio, si è soliti pensare alla separazione o al divorzio, dimenticando che esiste anche l'annullamento del matrimonio. Nello specifico, si tratta di cause espressamente previste dalla legge, in presenza delle quali è possibile annullare il matrimonio civile, ovvero chiedere la cancellazione dello stesso come se non fosse mai stato celebrato, con conseguenze ben diverse da quelle che si hanno in caso di separazione o di divorzio. Chiedere l'annullamento del matrimonio comporta la buona fede da parte di chi procede, cioè non essere stato a conoscenza di una delle cause di invalidità del matrimonio.

24

Le cause di annullamento del matrimonio civile previste dal legislatore sono svariate e tra esse troviamo, innanzitutto, l'aver contratto matrimonio con una persona minore di 18 anni senza l'autorizzazione del tribunale dei minori. Altra causa invalidante attiene all'errore sulle identità o qualità personali di uno dei coniugi, come malattie fisiche o psichiche, e deviazioni sessuali che compromettono il regolare svolgimento della vita coniugale. Anche la mancata libertà di stato civile, o rapporti di parentela, affinità o adozione tra gli sposi può essere causa di annullamento, così come l'incapacità di intendere e volere al momento della celebrazione delle nozze, o se le nozze sono state contratte a causa di timore reverenziale, violenza fisica o morale. Ultima causa di invalidità del matrimonio si ha nel caso di simulazione, ovvero quando i coniugi sono d'accordo nel non adempiere ai loro doveri.

34

Accertata almeno una delle ragioni valide sopra elencate per richiedere l'annullamento del matrimonio, è sufficiente rivolgersi, entro un anno dalla celebrazione, ad un avvocato competente che presenterà istanza al Tribunale Civile di residenza. Notevoli saranno i costi di parcella e di deposito degli atti. Si otterrà, di conseguenza, la perdita del titolo di coniuge; la donna riacquisterà il proprio cognome, ma rinuncerà ai diritti di successione ereditaria e di pensione di reversibilità.

Continua la lettura
44

Qualora il Giudice stabilisca la buona fede degli sposi al momento della stipula dell'atto giuridico, è prevista solitamente un'indennità per il coniuge con difficoltà di mantenimento. Tale somma di denaro, stabilita entro i limiti delle possibilità di chi versa, non può essere corrisposta oltre i 3 anni, e termina qualora chi la percepisce passasse a nuove nozze. Nel caso in cui, uno dei due coniugi fosse in malafede, è tenuto a versare gli alimenti a tempo indeterminato alla parte lesa e ad eventuali figli nati, concepiti, riconosciuti o adottati durante un matrimonio dichiarato nullo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Come annullare una richiesta di divorzio

Quando i coniugi decidono di divorziare devono presentarsi davanti al Presidente del Tribunale con i rispettivi avvocati e fare espressa richiesta di separazione, presentando motivi validi. L'atto di separazione diventa legale una volta emessa la sentenza...
Divorzio

La separazione dei beni dopo il matrimonio

Prima di sposarsi, un aspetto molto pratico che i coniugi devono valutare è quello relativo alla comunione o separazione dei beni; tale scelta, infatti, inciderà sui beni in proprietà a ciascuno degli sposi. Il matrimonio è di fatto un contratto...
Divorzio

Comunione dei beni ed eredità

La riforma del diritto di famiglia disposta il 19 maggio del 1975 aggiorna la precedente legge "Delle persone e delle famiglie" redatta per la prima volta nel 1942 e regola definitivamente ogni aspetto patrimoniale nei rapporti tra i singoli componenti...
Divorzio

Comunione o separazione dei beni

Gli articoli 143 e 147 del Codice Civile regolamentano gli obblighi economici dei coniugi nell'ambito familiare e dei figli. Per legge, i futuri sposi devono scegliere il regime patrimoniale tra comunione o separazione dei beni. È una scelta emotivamente...
Divorzio

Separazione dei beni e morte di uno dei coniugi

Al momento delle nozze o successivamente con un atto notarile da annotare a margine dell’atto di matrimonio, i coniugi possono pattuire espressamente un regime di separazione dei beni. Così facendo non ricadrebbero più nell'automatica comunione legale,...
Divorzio

Divorzio congiunto e divorzio giudiziale

Il divorzio comporta il completo scioglimento dei vincoli e degli effetti civili di un contratto matrimoniale. Ma quale iter bisogna seguire per ottenerlo? In questa guida, ve ne illustreremo la corretta procedura legale. Potrete, così, gestire la situazione...
Divorzio

Come si svolge di divorzio consensuale

Il matrimonio è la colonna portante della nostra società, l'istituzione più importante che lega due coniugi. Generalmente quando due persone si trovano bene insieme, il passo successivo è quello di convolare a nozze. Capita però sempre più spesso...
Divorzio

Separazione e divorzio con la negoziazione assistita

La Legge N. 162 del 10 novembre 2014, consente a chi ha deciso di separarsi o divorziare, di velocizzare i tempi e ridurre i costi di queste complesse procedure. I coniugi italiani, infatti, possono ricorrere alla negoziazione assistita e in pochi giorni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.