Come annunciare ai parenti una gravidanza

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una notizia che trasmette felicità? Quella di un bambino in arrivo. Eppure annunciare ai parenti una gravidanza ha bisogno di parole e toni giusti, a secondo del grado di amicizia o di parentela che ci lega alla persona, o alle persone a cui si da la bella notizia. Ricevere ed essere accolta con l'importanza che merita, la notizia dell'arrivo di un bebè, diventa come un dono se alle parole si accompagnano anche i gesti.

24

Il vostro partner, naturalmente è la prima persona a cui avrete voglia di dare la notizia: si sa che non si sta nella pelle per la voglia di partecipare quella che è una grande emozione per ogni donna, e che per lui sarà una sorpresa: sappiate però che il momento è topico, carico di quella emozione che entrerà a fare parte del vostro personalissimo album di ricordi intimi e indelebili. Scoprire un'espressione probabilmente inedita del vostro partner sarà anche questa, una bella esperienza. Inutile dire, quindi, che queste non sono notizie che si danno per telefono o tramite sms, fate in modo che, peggio, non lo venga a sapere tramite fb o altri social: fate che sia un vostro momento intimo, il cui ricordo, una volta arrivato il bambino, potrebbe esservi molto utile. Quindi, portatelo in un posto che vi è caro, per una romantica cena o per una passeggiata tranquilla, non senza prima esservi provvista di un calzino per neonato, di un piccolo orsacchiotto di peluche, che potrete accompagnare o meno da un bigliettino semplice e carino: le parole insomma sono di troppo, è il momento per le esclamazioni!

34


Avvisato il papà, le persone più importanti a cui partecipare sono di solito i nonni e gli zii: una cena a sorpresa, magari in occasione di una festività o di un compleanno sarebbe l'ideale, con fiocchi rosa e azzurri sulla torta, e piccoli segnaposto inequivocabili: dei carillon per esempio, o dei piccolissimi carrozzini in legno colorati. Potete addobbare la casa con festoni colorati e messaggi di auguri al futuro papà, rendere quindi la notizia davvero chiara ed evidente. Anche qui, saranno i vostri volti e la vostra gioia a parlare, soprattutto se l'evento è atteso, auspicato e in qualche modo presagito. Per mille motivi però, un lutto in famiglia, una malattia grave o qualche altro evento gravoso, senza escludere che per qualcuno l'evento sia addirittura indesiderato, può succedere che la felicità della lieta notizia debba essere in qualche modo attenuata e smorzata: raccogliete intorno a voi soltanto le persone a cui la notizia darà davvero gioia perché vi vuole bene. Se ravvisate l'inopportunità di fare salti di gioia in libertà, date la notizia ai parenti in sordina, magari davanti ad una tazza di caffè. Anche quando dovete comunicare la notizia ad un parente turbato da particolari e tristi eventi, si tratta sempre di un momento felice per voi e intimo: non banalizzatelo con una telefonata e tenete presente che quasi certamente riuscirà ad alleviare la tristezza di chi vi sta di fronte: tatto quindi, ma senza indugi.

Continua la lettura
44



Dopo i parenti stretti vengono tutti gli altri, sarete voi a scegliere se dirlo, a chi dirlo, e come; dipende dai rapporti, perché, si sa, i parenti non si scelgono e non sempre i rapporti sono idilliaci. La maggioranza dei parenti, specialmente i più lontani o quelli con i quali avete degli aperti contrasti, verrà a conoscenza della notizia con il passaparola che di solito si innesca in questi casi tramite i genitori, i fratelli, e gli altri parenti più vicini ai quali avete già dato la notizia. Prima dei parenti più lontani e, in casi estremi, anche prima dei genitori, ci sono gli amici: senz'altro le amiche del cuore, sono quelle a cui non vedete l'ora di dirlo per condividere con loro la vostra felicità: conoscono la vostra storia e i vostri desideri, non ci metteranno molto a capire, soprattutto se dedicate loro un pomeriggio a guardare vecchie foto o vi fate accompagnare a fare shopping. È tradizione infine che la notizia del nuovo arrivo non venga sbandierata ai quattro venti prima del terzo mese: anche le persone a cui tacerete la notizia per scaramanzia, colleghi, amici e conoscenti potrebbero non tardare a collegare la vostra aria radiosa, le forme addolcite e la vostra gravidanza.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Funerale: consigli per confortare i parenti del defunto

Partecipare ad un funerale non è mai facile. Anche quando il defunto non è un parente prossimo, il dolore di perdere una persona ci accomuna e tocca tutti allo stesso modo: è un sentimento verso il quale è naturale e spontaneo provare rispetto, soggezione,...
Famiglia

Come gestire una famiglia monoparentale

La famiglia monoparentale si compone di un solo genitore. Il 12% delle famiglie italiane è monoparentale. Le ragioni sono varie: la morte improvvisa del coniuge, una separazione o una gravidanza extraconiugale. Gestire una famiglia monoparentale non...
Famiglia

Come scegliere il nome per il proprio figlio

Durante il bellissimo periodo dell'attesa di un bimbo, una donna in gravidanza, fra le mille cose da fare, si pone anche il quesito del nome da apporre al nascituro. Sembrerebbe un argomento di facile soluzione, ma a volte non si hanno le idee molto...
Famiglia

Come capire se sei pronta a diventare mamma

La nascita di un bambino è una tappa cruciale nella vita di una donna. Pur non esistendo un'età ideale per diventare mamma è importante essere consapevole che la nascita di un figlio provoca una serie di notevoli cambiamenti nella vita di tutti i giorni,...
Famiglia

5 frasi da dire ad una moglie incinta

La nascita di un bambino è sempre un evento eccezionale da accogliere con gioia. Durante tutta la gravidanza bisogna saper dire le parole giuste alla propria moglie.Infatti, la moglie incinta necessita di sicurezza, di gioia e di supporto. Le frasi da...
Famiglia

Come organizzare un funeral party in stile americano

In America ci sono come ormai la maggior parte di noi sa molte tradizione diverse da quelle europee ma soprattutto diverse da quelle italiane. Una delle fasi della nostra vita è sicuramente quella terminale della morte che è la fase più brutta e pesante...
Famiglia

Come svolgere ricerche sui propri antenati

Se avete intenzione di sapere di più sui vostri antenati per curiosità oppure vi è stato assegnato un compito a scuola ma non sapete da dove iniziare ecco la guida appropriata. Di seguito vedremo in pochi semplici passi come svolgere ricerche sui propri...
Famiglia

Le peggiori gaffe da evitare a un funerale

Ci sono alcune situazioni in cui è davvero difficile adottare un comportamento impeccabile senza correre il rischio di offendere qualcuno. Una di queste è, senza alcun dubbio, quella legata alla morte di qualcuno, sia questi un amico, un parente o un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.