Come calcolare il grado di parentela

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Questa guida risulta essere molto interessante per tutti coloro che hanno la necessità di conoscere, per piacere oppure per necessità, il grado di parentela con alcune persone. Quante volte capita di desiderare di conoscere il grado di parentela con alcune persone specifiche. Sappiamo bene che con il termine "parentela" si indica un grado di consanguineità con una data persona. In questa guida vedremo, Nello specifico, di dedicarci proprio a questo argomento. Vedremo quindi come calcolare il grado di parentela in maniera semplice e certamente molto attendibile.

24

Calcolare il grado di parentela fra familiari è molto interessante ma a volte è anche indispensabile, in quanto per i diversi documenti previdenziali o testamentari, viene esplicitamente richiesto. Per esempio, nel campo lavorativi, uno dei permessi concessi al dipendente è quello relativo all'assistenza del parente "entro il terzo grado". Ci si riferisce, naturalmente, al grado di parentela sotto l'aspetto giuridico, poiché è l'unico valido e riconosciuto. In molte zone del nostro Paese, infatti, si indica volgarmente un grado di parentela assolutamente non riconosciuto dalla legge. Spesso ci si riferisce al "cugino di primo grado" oppure al "cugino di secondo grado" riferendosi in realtà ad un grado di parentela che dal punto di vista giuridico corrisponde, rispettivamente, al quarto e sesto grado.
Dunque, dimentichiamo i metodi popolari anche se noti!

34

Ecco quindi come procedere per il calcolo del grado parentale: in primo luogo si parte dalla persona interessata, si sale lungo le generazioni fino a giungere al primo capostipite comune. Successivamente bisogna ridiscendere fino alla persona imparentata e della quale si desidera conoscere l'intensità di parentela. Facciamo un esempio: desideri conoscere il grado di parentela con tuo cugino, figlio del fratello di tuo papà. Allora parti da te stesso con il numero uno, poi risali al tuo papà che è il due, poi sali ancora verso il nonno paterno, il tre.

Continua la lettura
44

Al nonno ti devi fermare perché è il capostipite comune, perciò devi ridiscendere sull'altro figlio che per te è lo zio, ovvero il cosiddetto numero quattro, quindi bisogna scendere ancora al figlio, cioè tuo cugino che a questo punto è il numero cinque. Ora devi sottrarre uno e ti rimane quattro. Il grado di parentela con tuo cugino è infatti quattro, è un parente di quarto grado.
Pet lo zio il grado di parentela sarebbe stato tre, perché bisogna sottrarre sempre 1.
Si fa lo stesso con i parenti materni e anche con quelli del coniuge, i parenti acquisiti, che prendono il nome di affini.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come gestire le relazioni familiari

La famiglia è composta da più individui collegati tra loro, da legami di sangue e vincoli di parentela. Oggi, rispetto a quello che accadeva in passato, la famiglia tende ad essere formata da pochi componenti, per ragioni di tipo sociale ed economico.In...
Famiglia

Come superare un lutto

Perdere una persona cara comporta sicuramente il dolore più grande e difficile da superare. In una prima fase, dicono gli psicologi, bisogna concedere al dolore di venire fuori per essere elaborato. Ma appena possibile, bisogna cercare di uscire dalla...
Famiglia

Come scrivere un biglietto per la Prima Comunione

I biglietti per la Prima Comunione sono un modo bellissimo per fare gli auguri al piccolo che dovrà affrontare questa importante giornata. Però, chi di noi non si è mai trovato dinanzi al problema di scrivere un biglietto di auguri per una Prima Comunione?...
Famiglia

Come andare d'accordo con tuo cognato

La famiglia si sa, non la si sceglie. Spesso ci capita di discutere con i nostri familiari e di trovarci in situazioni poco piacevoli ed appropriate. Durante una discussione accesa, o anche spettegolando amabilmente, può succedere di avere qualche battibecco...
Famiglia

Come andare d'accordo tra sorelle

Non sempre è facile andare d'accordo con gli altri, soprattutto se ci sono differenze caratteriali o abitudini molto diverse che possono essere difficili da conciliare con quelle delle altre persone. Il tutto può poi complicarsi se le persone in questione...
Famiglia

Idee regalo per un Battesimo

Per ogni famiglia, il giorno del Battesimo del piccolo di casa è una gran festa: si tratta del debutto in società del bambino che, in maniera ufficiale, viene presentato a tutta la comunità. Ormai il Battesimo oltre al carattere prettamente spirituale...
Famiglia

Il decalogo della suocera perfetta

La suocera è una figura famigliare sempre mal vista e considerata. Libri, film e serie tv rappresentano questa figura famigliare come un mostro senza pietà. In realtà moltissime nuore adorano la loro suocere e, i loro figli, non potrebbero essere più...
Famiglia

Come chiedere un fratellino ai genitori

Il mondo in cui viviamo spesso e volentieri ci mette davanti a tante situazioni incomprensibili e difficili da gestire. Lottiamo ogni giorno contro la cattiveria gratuita e contro tutte quelle che possono essere delle minacce per la nostra serenità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.