Come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa guida vi spieghiamo come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge. Nel momento in cui si ricorre alla separazione legale, il giudice riconosce al coniuge meno abbiente il diritto di ricevere dall'altro un assegno di mantenimento. È necessario che al primo non sia addebitabile la separazione. La coppia può tranquillamente definire l'accordo in maniera libera quando sceglie di separarsi. Questa normativa è presente nel comma 1 dell'articolo 156 del Codice Civile, che parla della situazione patrimoniale tra due coniugi in via di separazione. Adesso vediamo come si può calcolare questa cifra con precisione.

27

Vediamo come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge. Prima di tutto, bisogna sapere che il matrimonio può non durare per sempre. Marito e moglie possono anche scegliere di dividere le proprie strade. Tuttavia, la separazione non cancella il vincolo coniugale. Di conseguenza, gli obblighi di carattere economico presenti in un matrimonio restano tali. Il calcolo della somma inerente all'assegno di mantenimento resta indispensabile. Il giudice deve sempre verificare l'effettiva posizione di svantaggio di chi pretende l'assegno di mantenimento. Inoltre, lo stesso deve valutare il tenore di vita portato avanti durante il matrimonio.

37

Questi sono aspetti molto delicati. Per questa motivazione, diversi Tribunali stabiliscono procedure fissate in tabelle per la casistica di riferimento. Questi dettami si rifanno al modello MoCAM, perfetto per la definizione dell'entità dei versamenti dovuti al coniuge più debole economicamente e ai figli. Se il coniuge richiedente non percepisce alcun reddito, bisogna valutare l'assegnazione della casa coniugale come contributo economico principale. Continuiamo a scoprire come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge.

Continua la lettura
47

Di solito, in situazioni di reddito medio con stipendio mensile tra i 1200 e 1600 euro e senza proprietà immobiliari, o in conti correnti di ampia entità, bisogna effettuare determinati calcoli. Se si assegna la casa coniugale, bisogna versare una cifra corrispondente ad un quarto del reddito complessivo. Senza alcuna abitazione di mezzo, la somma è di un terzo del reddito. Se sono presenti premi fissi annuali, si possono permettere in maniera ponderata eventuali integrazioni. Scopriamo fino in fondo come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge.

57

Se il richiedente dell'assegno possiede un reddito insufficiente per garantire un'autonomia economica, il discorso cambia. Bisogna applicare i crediti liquidativi riportati in precedenza in base al differenziale di reddito tra le due parti in causa. Se si dispone di uno stipendio modesto con un lavoro part-time di 700 euro al mese, bisogna togliere 700 euro complessivi. In tutte le cause di separazione, il Presidente del Tribunale può prendere decisioni anche importanti dopo la valutazione della situazione economica della coppia in via di separazione. Ecco come calcolare l'assegno di mantenimento del coniuge.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento dei figli

In questi ultimi anni stanno aumentando esponenzialmente le separazioni e i divorzi, ponendo in primo piano la questione riguardante il mantenimento dei figli. La Costituzione sostiene che i genitori hanno l'obbligo di mantenere ed educare i figlia, minorenni...
Divorzio

Come rinunciare all'assegno di mantenimento

Separarsi dal proprio coniuge non è mai una cosa facile. A volte bisogna anche affrontare percorsi burocratici complessi. Per fortuna non è il caso della rinuncia all'assegno di mantenimento. Ma vediamo insieme cos'è un assegno di mantenimento. È...
Divorzio

Assegno di mantenimento: come calcolarlo

È indubbio che oggi uno dei pilastri della società, la famiglia, è grandemente messo in discussione, se non in aperta crisi, da gravi situazioni che possono verificarsi al suo interno e che sono la causa di separazioni che si concludono con un divorzio....
Divorzio

Come rivalutare l'assegno di mantenimento

Quando una coppia si separa perché non va più d'accordo, il rapporto con i figli deve continuare a livello affettivo e materiale. L'assegno di mantenimento può interessare il coniuge che ha una situazione economica precaria. Ma soprattutto i figli...
Divorzio

Come modificare le condizioni di separazione

Le condizioni contenute nella sentenza di separazione o in un provvedimento di omologazione della separazione consensuale o ancora in un provvedimento che già in precedenza aveva modificato le condizioni, possono essere, in ogni momento, per giustificati...
Divorzio

Come mantenere buoni rapporti con l'ex coniuge

Mantenere un buon rapporto con l'ex marito o l'ex moglie certamente non è facile. Purtroppo, si tratta di situazione più comune di quanto vorremmo sperare. Il matrimonio è finito e adesso arriva la parte più complessa. Gestire eventuali beni materiali...
Divorzio

Come funziona la procedura del divorzio

Il divorzio è un istituto che porta allo scioglimento di un matrimonio. Con esso termina lo status di coniuge consentendo ai due membri della coppia, ormai liberi, di potersi nuovamente sposare. In questa guida vedremo in maniera molto semplice come...
Divorzio

Come fare se l'ex marito non versa le spese straordinarie

Di solito, nelle sentenze che sanciscono una separazione o un divorzio, il giudice stabilisce che il genitore a cui sono stati affidati i figli debba comunque contribuire al loro mantenimento. La modalità più utilizzata è quella che prevede il versamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.