Come comportarsi con i figli del nuovo compagno

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Non esiste nessun manuale per imparare a fare i genitori, immaginarsi quanto possa complicarsi la vicenda se dobbiamo fungere da genitore per un figlio che non è nostro. Si tratta di un rapporto difficile da instaurare, ma che potrà, dal punto di vista emozionale, avvicinarsi molto a quello genitore-figlio. Con tutte le conseguenze del caso. Nessuno può dire come sia giusto o meno comportarsi, il tema è talmente privato e personale che non possono esistere delle regole certe ed assolute; cerchiamo di ottenere però il miglior risultato seguendo delle indicazioni di massima, di seguito descritte, so come comportarsi con i figli del nuovo compagno.

27

L'approccio cambia a seconda dell'età del figlio, ovviamente. Bisogna sempre tener presente che all'inizio, il nuovo compagno o la nuova compagna del genitore, verranno visti con la diffidenza di chi non è di famiglia ma si comporta come se lo fosse: saranno nuovi affetti nel contesto che il ragazzo o la ragazza hanno sempre vissuto come la propria famiglia. Oltretutto i figli provengono dal trauma della separazione dei propri genitori. Quindi, innanzitutto bisogna avere la pazienza di aspettare che l'esperienza appena trascorsa e la nuova fase vengano metabolizzate, senza forzare la situazione.

37

Il carattere dei ragazzi ed il rapporto che esisteva nella precedente famiglia condizionano moltissimo l'accettazione o meno della nuova compagna del padre, che viene vista spesso come un' intrusa, una " ladra " di sentimenti e di affetto. Non si potrà mai sostituire la mamma naturale che visceralmente ha avuto ed avrà sempre un legame molto intimo con il figlio, ma si può instaurare una relazione di fiducia reciproca produttiva per entrambi. Allo stesso modo, il compagno della madre potrebbe essere visto come una minaccia per la madre stessa, soprattutto dal figlio maschio, oppure, sempre, come un intruso. La gradualità è il segreto, ed è buona norma evitare di sostituirsi al genitore assente; è anzi opportuno riferirsi al bambino o al ragazzo con espressioni come "la tua mamma e il tuo papà", chiamandosi fuori dalle decisioni che lo riguardano.

Continua la lettura
47

Scegliere di subire una predominazione è in assoluto un errore: teniamo conto che questo non favorisce certo il rapporto di coppia (il conflitto partner/figlio crea inevitabilmente una divisione) e, in ottica educativa, è estremamente negativo trascurare il rispetto che un adolescente deve ad un adulto. È giusto tenere presente che il genitore separato sarà sempre il genitore, ma allo stesso tempo è da chiarire che anche il nuovo compagno di mamma o la nuova compagna di papà hanno diritto ad un posto nel cuore del partner e, fosse anche solo per questo, il rispetto è dovuto.

57

In caso di convivenza è importante stabilire, di comune accordo coinvolgendo anche i figli, delle regole per preservare la vivibilità della casa, nell'interesse di tutti gli abitanti: il genitore presente avrà, in questo senso, il compito rigido di farle rispettare. In una situazione difficile, garantire a ciascuno un ruolo, dello spazio, e del tempo con le persone a cui vuole bene è un sistema infallibile per una serena e pacifica condivisione della casa e può aprire le porte, in un futuro, alla condivisione anche della vita.

67

La nuova coppia deve porsi come obiettivo quello di far comprendere ai figli che la felicità di ciascun componente della famiglia è la felicità della famiglia stessa. Compreso questo, sarà semplice aggiungere che la presenza del fidanzato di mamma o della fidanzata di papà rendono felici mamma o papà. Le compagne di uomini padri saranno facilitate dal naturale istinto materno che caratterizza le donne.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non porsi come genitore del bambino aiuta un rapporto alle prime battute
  • Viziare il figlio del partner è un errore che verrà pagato, molto caro, nel futuro
  • Rinunciare al rapporto di coppia in nome del figlio è sbagliato, ma qualche sacrificio è richiesto almeno all'inizio
  • Bussare alla porta del ragazzino prima di entrare è buona norma, sia in senso effettivo che in senso figurato...

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come accettare i figli del proprio compagno

Il concetto di famiglia è sempre in continua evoluzione e non esiste più solo la classica triade madre-padre-figli, ma si continuano a formare sempre più quelle che vengono definite famiglie allargate. Quando i genitori si separano perché non vanno...
Famiglia

10 motivi per riconciliarti con il padre dei tuoi figli

Se con tuo marito o il tuo compagno le cose sono finite e non sono finite bene, potresti non avere più nessuna voglia di relazionarti ancora con lui. Eppure, se anche non è più un compagno, resta il padre dei tuoi figli e pensare al loro bene è la...
Famiglia

Come dimostrare l'affetto ai figli

Dimostrare il proprio affetto ai figli è un passaggio naturale e necessario del rapporto genitoriale: ci si confronta con una nuova generazione e con questa si instaura un legame fatto di scambi, crescita, protezione o in alcuni casi, soprattutto in...
Famiglia

Come comportarsi con una suocera risentita

Il rapporto tra una donna e sua suocera non sempre è semplice. Si parla di una relazione fatta di equilibri delicati, nella libertà di decisione e del rispetto reciproco. Nel momento in cui questo equilibrio viene leso si innescano una serie di dinamiche...
Famiglia

Come aiutare i figli il primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola ha sempre simboleggiato uno stato d'animo di ansietà, paura, inquietudine e fonte di preoccupazione di genitori e figli, di qualsiasi età. Spesso, i genitori hanno timore che i loro bambini non siano in grado di affrontare...
Famiglia

10 segreti per rendere speciale il rapporto con i figli

Avere una bella relazione con i propri figli è qualcosa di molto importante per voi, ma soprattutto per loro. Il genitore rappresenta infatti una delle figure più determinanti per l'infanzia e la vita del figlio, pertanto, il rapporto che avrete con...
Famiglia

Come comportarsi con i propri genitori

Il rapporto genitori-figli è molto complicato, specialmente in alcune fasi della crescita del ragazzo. A fronte di genitori troppo apprensivi, ci sono figli che vorrebbero maggiore libertà. Ma davvero sono i genitori ad opprimerci, oppure siamo noi...
Famiglia

10 bugie che i genitori dicono ai figli

Ebbene sì, per essere dei bravi genitori spesso occorre raccontare qualche bugia. La maggior parte delle volte è a fin di bene, per semplificare la vita a tutti. Quando però i figli scoprono che i genitori hanno raccontato delle bugie spesso ci rimangono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.