Come comportarsi con i figli del partner

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si inizia una nuova relazione con una persona che ha avuto figli con il partner precedente si può attraversare un periodo emotivamente difficile, sia per la nuova coppia che per i bambini. Di conseguenza, è fondamentale capire le esigenze di ogni persona coinvolta in questa relazione, in modo tale da poter affrontare tutti insieme eventuali problemi, ma anche la semplice quotidianità. I bambini rappresentano le persone più suscettibili nell'ambito di una nuova coppia, per questo è importante sapere come comportarsi con loro, per farsi accettare, per poter contribuire alla loro formazione e per aiutarli a vivere la situazione con serenità. Attraverso questa guida vedremo proprio come instaurare una relazione con i figli del partner. I passi sono scritti appositamente in modo da potersi adattare sia a un punto di vista femminile, che ad una prospettiva maschile.

26

Innanzitutto, per quanto possa sembrare superfluo da ricordare, è necessario trattare il vostro partner con rispetto, e ancora di più se quest'ultimo ha già dei figli. Sono assolutamente da evitare le "scappatelle" se avete dei fili o se li ha il vostro partner: questo, infatti, potrebbe diventare estremamente dannoso per i bambini, andando magari a peggiorare il senso di abbandono di probabilmente già soffrono. Gli esseri umani non sono perfetti e non sono in grado di predire il futuro, tutti facciamo degli errori, ma almeno ci si dovrebbe fermare a riflettere sulla propria motivazione, prima di subentrare in una nuova situazione familiare.

36

Il primo approccio con i figli deve essere lento e graduale. Presentatevi a poco a poco, lasciando il tempo per elaborare la situazione e per poter porre domande al proprio genitore. Apparire improvvisamente, 24 ore su 24, nella vita di un bambino è un cambiamento enorme per lui. È necessario inserirsi con delicatezza, attraverso eventi o situazioni che siano in un terreno neutro, quindi non nella casa in cui abita. Andare insieme a fare una passeggiata al parco, per esempio, è una buona idea, in quanto vi sono distrazioni per voi, per il vostro partner e per i suoi figli, tutte situazioni che possono contribuire a sciogliere la tensione della situazione. Aumentate a poco la quantità di tempo passata insieme, permettendogli di conoscervi meglio e cercando, voi stessi, di conoscere le esigenze e i gusti dei bambini.

Continua la lettura
46

Siate onesti: fingere di essere un vecchio amico di scuola o il collega di lavoro, piuttosto che il nuovo fidanzato del partner, non è un buon modo per affrontare la situazione. Questa piccola bugia, per quanto possa essere stata mossa da buone intenzioni, a lungo andare potrebbe avere effetti negativi sui bambini. Ricordate, infatti, che i figli osservano e capiscono ciò che sta accadendo intorno a loro e, soprattutto, hanno bisogno di essere coinvolti in maniera onesta e sincera.

56

Quando entrate a far parte di una nuova famiglia, cercate di adattarvi il più possibile allo stile di vita già presente, evitando di dettare nuove regole e, soprattutto, di giudicare le abitudini e l'ambiente domestico. La vostra presenza dovrà essere percepita come una situazione piacevole, per questo è necessario essere sensibili e pazienti. Questo non significa non rispettare la propria natura e il proprio stile di vita, è semplicemente un compromesso che consentirà di vivere una vita serena con il proprio partner.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lasciate che i bambini si abituino alla vostra presenza, ma non cercate di diventare un sostituto dell'altro genitore biologico.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Gli effetti della separazione dei genitori sui figli

Una separazione rappresenta per i figli un evento traumatico, tanto che oggi si parla di sindrome di alienazione parentale (PAS). Questa situazione ha un impatto diverso sui bambini a seconda della loro età e del loro sesso. Vediamo allora di capire...
Divorzio

Come gestire l'educazione dei figli da separati

Le famiglie allargate non sempre rappresentano un problema per i bambini, anzi: se gestite bene, sono una vera e propria occasione di crescita e condivisione. Il fatto che il fenomeno sia in aumento, poi, fa sì che i piccoli di casa vivano la loro situazione...
Divorzio

Padri separati: 5 modi per mantenere una buona relazione con i figli

Divorziare non è mai un procedimento semplice e arriva a causare una profonda situazione di stress all'interno delle famiglie. Spesso due persone divorziate non restano in buoni rapporti e questo potrebbe rappresentare un problema nell'eventualità in...
Divorzio

Come calcolare l'assegno di mantenimento dei figli

In questi ultimi anni stanno aumentando esponenzialmente le separazioni e i divorzi, ponendo in primo piano la questione riguardante il mantenimento dei figli. La Costituzione sostiene che i genitori hanno l'obbligo di mantenere ed educare i figlia, minorenni...
Divorzio

Separazione e figli adolescenti

Quando una coppia decide di attuare una separazione a soffrirne sono, oltre ai coniugi stessi, i figli. In particolar modo, se questi sono adolescenti, alcune reazioni al trauma potrebbero essere accentuate a causa del difficile periodo che stanno passando....
Divorzio

L'impatto emotivo del divorzio

L'impatto emotivo del divorzio causa dei cambiamenti non solo ai figli della coppia. Anche per i due coniugi, si verifica a livello emozionale un certo disagio. Non sempre la coppia decide assieme la separazione. È una situazione pesante da gestire,...
Divorzio

Come divorziare senza traumi

Purtroppo l'amore, se non viene coltivato, può finire e anche il matrimonio più felice giungere al capolinea. Non è detto, però, che il divorzio tra due persone debba avvenire in modo violento, litigioso o con rancore. Sempre più spesso, negli ultimi...
Divorzio

Separazione: consigli su come superare i conflitti

Affrontare una separazione non è mai una cosa semplice, soprattutto dal punto di vista emotivo e psicologico. Infatti, il processo di separazione ha sotto questi aspetti molti punti in comune con l'elaborazione di un vero e proprio lutto. Quando un divorzio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.