Come comportarsi con un padre autoritario

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Non tutti i genitori sono uguali! Nella coppia c'è sempre chi dei due è un po' più autoritario. In questo caso il soggetto che prenderemo in considerazione è il padre. Non sempre è un fatto negativo avere un padre autoritario, purché questo non sfoci nella violenza. Questo comportamento, infatti, ha anche delle caratteristiche positive che è bene conoscere per saperle sfruttare al meglio! Nei prossimi passi scopriremo quindi come comportarsi con un padre autoritario. Siete curiosi? Allora continuate la lettura!

27

Occorrente

  • Padre autoritario
  • Onestà durante la discussione con vostro padre
  • Essere in grado di esprimersi adeguatamente e senza alzare la voce
  • Tanta pazienza
37

Essere autoritario non è sempre un fatto negativo, la persona autoritaria infatti è generalmente molto seria, coscienziosa ed onesta. Odia tutte le forme di disonestà e le situazioni poco chiare. Per questo motivo avere un padre autoritario è sicuramente positivo. Provate infatti a sfruttare questi aspetti positivi per spiegargli con chiarezza quali problemi avete e chiedete consigli anche per risolverli. Sicuramente saprà darvi degli ottimi suggerimenti. Mi raccomando esponete i fatti senza ripensamenti, siate anche il più aperti possibili; sicuramente apprezzerà il vostro sforzo e la vostra onestà.

47

Se siete in procinto di una discussione con il vostro padre autoritario, non alzate mai la voce. I repentini sbalzi di umore tendono a renderlo ancora più deciso nelle sue decisioni. Provate invece ad esporre con calma le vostre ragioni, cercando di farlo ragionare. Essere autoritario non è sinonimo di testardaggine, quindi potrebbe anche rivalutare la sua decisione, permettendovi quindi di trovare un giusto compromesso. Se invece non sente ragioni, provate ad esporgli nuovamente la vostra soluzione in un secondo momento, continuando a sostenere il vostro ragionamento. Difficilmente rifiuterà un ulteriore confronto. La parola d'ordine però rimane sempre la stessa: pazienza!

Continua la lettura
57

Se il vostro padre autoritario vi ha concesso un permesso straordinario, come ad esempio tornare più tardi la sera, mi raccomando non sgarrate! Perdere la sua fiducia significa anche perdere quel briciolo di libertà che vi siete così duramente conquistati. Cercate quindi di dimostrargli che siete meritevoli di fiducia. Nel caso il comportamento autoritario di vostro padre sfoci nella violenza, a quel punto, se la situazione dovesse continuare nel tempo, chiedete aiuto ad un parente fidato oppure alle forze di polizia. In nessun caso, infatti, occorre passare alla violenza durante una discussione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un padre autoritario ha tante ottime qualità. Provate a sfruttarle al meglio per raggiungere i vostri scopi. In ogni caso non mentite mai, se si accorge che non siete onesti difficilmente riuscirete a fargli cambiare idea, anzi otterrete l'effetto opposto.
  • In ogni caso un padre autoritario non usa mai la violenza. In caso contrario contatta le forze dell'ordine o rivolgiti ad un parente fidato.
  • Se il vostro padre autoritario vi ha concesso un po' di tregua, non tradite mai la sua fiducia! E' infatti difficile riconquistarla in un secondo momento!
  • Non alzate la voce in ogni caso perché in questo modo farete degenerare ulteriormente il litigio. Respirate invece a fondo e cercare di mantenere un tono calmo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Problemi Adolescenziali

Come comportarsi alla prima uscita con un ragazzo

La prima uscita con un ragazzo è indubbiamente un evento molto importante nella vita di una donna. Che sia la tua prima uscita in assoluto o la prima con un nuovo ragazzo non devi farti prendere dal panico. Fai un bel respiro e sorseggi una tisana rilassante...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi con le bugie degli adolescenti

Il periodo dell'adolescenza, probabilmente è quello più delicato che una persona passa nel corso della propria. L'adolescenza, va dai dodici ai diciotto anni. Questo periodo di transizione è parecchio delicato poiché determina la crescita del bambino...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi con un figlio adolescente

Crescere un figlio è una responsabilità enorme sia per la madre che per il padre. Per questa situazione non ci sono manuali d'uso o comportamenti standard che vanno bene per tutte le famiglie. Bisogna affidarsi al buon senso e all'amore per il proprio...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi al primo appuntamento

La primavera si sa, è la stagione degli amori. Sbocciano nuove amicizie e, complice la bella stagione, si fanno anche nuove conoscenze. Se però, in gruppo è facile dimostrarsi estroversi e disinvolti, quando ci si trova ad un appuntamento "tête-à-tête",...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi con un figlio che non studia

Spesso dobbiamo lottare ore ed ore per convincere i nostri figli a finire tutti i compiti ed arriviamo alla fine della giornata senza più forze. Ma lo facciamo quasi sempre con convinzione, perché sappiamo benissimo che solo con lo studio si può diventare...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi quando ci si sente a disagio

Per ogni persona si presentano situazioni, che portano ad un certo disagio e spesso non è facile sapere come comportarsi. È proprio quando ci si sente impacciati è bene imparare il metodo giusto per levarsi dall'imbarazzo. Non esiste una regola uguale...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi con un ex in classe

A volte capita di innamorarsi di una persona e dopo tempo passato insieme l'amore si affievolisce o svanisce del tutto, di conseguenza arriva la rottura. Generalmente, anche se si vive in un piccolo paesino il dover rincontrare, a volte, la propria/o...
Problemi Adolescenziali

Come Comportarsi Con Gli Adolescenti

Capita spesso ritrovarsi alle prese con un figlio che non riconosciamo più e che, puntualmente, dice di non stimarci più e che non valiamo niente. Manteniamo la calma. Non andiamo in crisi, perché siamo solo di fronte ad un figlio in piena ribellione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.