Come comportarsi quando un figlio va via di casa

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Quasi in tutte le famiglie siamo abituati a sentir dire, un po' da tutti i genitori, frasi tipo 'quando andrai via da questa casa?', oppure ' quando ti farai una vita tua?'. Nonostante siano frasi ripetute frequentemente, è sempre molto triste quando un figlio decide di lasciare la casa dei genitori. Ovviamente, nel momento in cui un figlio decide di andare via di casa, hanno luogo delle sensazioni dolorose nel cuore dei genitori. In questa guida, daremo alcuni consigli su come comportarsi quando un figlio va via di casa.

24

Nel momento in cui un figlio decide di lasciare la casa dei genitori, significa che ha maturato dentro di sé un processo di autonomia, in cui ha la necessità di vivere e di svolgere qualsiasi faccenda domestica, come lavare, stirare o cucinare, in totale autonomia. Un figlio che giunge a questa decisione ha quindi l'esigenza di disporre dei propri spazi e di una maggiore privacy. Per questo motivo deve essere sostenuto, pienamente, dai suoi genitori.

34

Questa è una fase molto importante per lo sviluppo della loro personalità adulta. Nel momento in cui i figli decidono di andare a vivere al di fuori della casa dei genitori, dovranno fare affidamento solo su sé stessi. Quindi, i genitori non dovrebbero iniziare a telefonarli ogni istante per sapere cosa hanno mangiato, se stanno bene o se necessitano di qualcosa. È un passo molto importante per un individuo, in cui deve iniziare ad imparare a svolgere alcune attività in modo autonomo. È logico pensare che qualche errore può essere commesso, da parte di chi va a vivere da solo, ma sono sbagli che fanno acquisire una certa esperienza, e per questo motivo fortificano ed avviano il processo di maturazione. Nei primi giorni di questo passaggio, ovviamente, i figli hanno ancora bisogno dei genitori per questioni pratiche. I genitori devono aiutarli, facendogli sentire tutto il loro appoggio in questa nuova situazione. In definitiva, è una sorta di spinta per 'avviarli'.

Continua la lettura
44

Innanzitutto, i genitori devono cercare di organizzarli a livello pratico. Quindi, devono pensare a cosa necessitano nella loro nuova casa. Ogni persona sa che chi abita in una casa deve, ovviamente, arredarla e garantirla per i fabbisogni primari, come ad esempio cucinare o lavare. Se proprio si ha intenzione di dargli un aiuto pratico, allora può essere effettuato regalandogli piatti, pentole, detersivi, attrezzi per la pulizia, e quant'altro. Sono tutte cose che sicuramente servono. Inoltre, anche le lenzuola, le coperte, gli asciugamani faranno sicuramente comodo. Se la madre si preoccupa della parte pratica in cucina e per la biancheria, il padre potrebbe aiutarlo sia nella fase del trasloco, come il trasferimento di pacchi e di mobili, sia nella fase di montaggio di questi ultimi e per tutti gli aspetti tecnici che occorrono in una casa (prese elettriche, caldaia, aria condizionata, cavi tv, attacchi per la lavatrice o l'asciugatrice. Nei primi giorni, dargli una mano è fondamentale, poi dovrà imparare a fare tutto da solo. I genitori devono, quindi, assicurargli che saranno a disposizione in ogni evenienza, senza per controllarlo di continuo e telefonandogli ad ogni ora.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come accettare la fidanzata del figlio

Il vostro bambino è cresciuto e adesso è arrivata la fatidica richiesta, vuole portare la ragazza a casa, voi da brave mamma chioccia vi state preoccupando; se la cosa invece è già più seria, dovrete capire come accettare la fidanzata del figlio!...
Famiglia

Come capire se sei pronta per un altro figlio

In questo articolo vogliamo aiutare te, che sei una delle nostre care lettrici, ad imparare come poter capire se sei pronta per un altro figlio, in moo da essere consapevoli di questa scelta non facile per tutte noi donne!Essere madre è una soddisfazione...
Famiglia

Come comportarsi con i figli del nuovo compagno

Non esiste nessun manuale per imparare a fare i genitori, immaginarsi quanto possa complicarsi la vicenda se dobbiamo fungere da genitore per un figlio che non è nostro. Si tratta di un rapporto difficile da instaurare, ma che potrà, dal punto di vista...
Famiglia

Come assecondare le passioni di un figlio

La nascita di un figlio ha sicuramente stravolto la vostra vita, e magari adesso, sopratutto se si tratta del primo figlio, vi trovate un po' spaesati su come agire al meglio affinché vostro figlio cresca felice e sicuro di sé. Un elemento che un genitore...
Famiglia

Come riconoscere un figlio naturale

Il nostro ordinamento giuridico, qualifica come naturale il figlio concepito da due genitori non uniti tra loro in matrimonio. Il riconoscimento del figlio naturale è disciplinato dagli articoli 250 e seguenti del codice civile e consiste in una dichiarazione...
Famiglia

Come Affrontare La Partenza Di Un Figlio

Al giorno d'oggi è molto difficile trovare un lavoro, soprattutto nella propria città o in piccoli paesini. I giovani, soprattutto i neo laureati, sono costretti ad allontanarsi da casa per cercare lavoro altrove e realizzarsi professionalmente, ma...
Famiglia

Come gestire un conflitto con un figlio

Tra genitori e figli capita molto spesso che nascano incomprensioni, ed inevitabilmente ciò finisce in uno scontro. Essere genitori è molto difficile e si rischia di sbagliare cercando di fare il bene del proprio figlio, lasciandoci trasportare da questo...
Famiglia

Le frasi da non dire mai a un figlio dopo una bocciatura

La vita scolastica non è mai facile, soprattutto per chi è in età adolescenziale. Quando succede che il proprio figlio riceva una bocciatura, la prima reazione dei genitori è quella di urlare e strepitare, ma bisogna sempre fare attenzione alle frasi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.