Come dire ad una amico che ti piace

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Le relazioni amorose sono sempre difficili da gestire, soprattutto se poi ci si mette di mezzo l'amicizia. ="sub">Innamorarsi di un amico o un'amica è sempre una questione spinosa, e molto spesso si tende a reprimere i propri sentimenti per non rovinare questo tipo di rapporto. Ma pensare di rovinarlo è un pensiero del tutt sbagliato. Perché lo è? Cerchiamo innanzitutto di capire cos'è un amico.
Ma cos'è realmente un amico? Un amico è una persona con la quale si trascorrono momenti piacevoli fuori dall'ambito lavorativo o scolastico e verso la quale si è fortemente empatici. Diverse sono le ragioni che portano ad un'amicizia, ma ben evidenziabili sono quelle che trasformano questo tipo di rapporto umano in un rapporto di attrazione amorosa. Se l'amico (o amica) corrisponde ai nostri canoni di bellezza estetica e/o mentale (canoni diversi da un individuo ad un altro) è facile che si possano presentare nei suoi confronti sentimenti ambivalenti, che comportano l'insistente pensiero che questo amico possa diventare ''qualcosa di più''. La confusione mentale che consegue dall'ambivalenza è tanto più forte quanto è più stretta l'amicizia. In parole povere, sarà più facile capire di essersi presi una cotta se l'amicizia non è particolarmente intensa, poiché l'intensità del sentimento amoroso nei suoi confronti sarebbe improvvisa e non graduale come nei riguardi di un'amicizia stretta.
Una volta capito che la nostra volontà è quella di avere una relazione amorosa con l'amico, come fare a dire che ti piace? Vediamo in questa guida alcuni suggerimenti su come affrontare questa spinosa faccenda, in modo da riuscire a risolverla nel migliore dei modi, per entrambi, attraverso pochi e semplici passaggi.

26

Paura di perdere

Comunicare ad una persona così cara come un amico che ci piace sembra per molti impossibile, si vedono difficoltà enormi, conseguenze disastrose, rischi giganteschi e la paura ci blocca e ci fa perdere anche la serenità che quell'amicizia ci dava. Non riusciamo più a stare con l'amico senza porci continuamente la domanda ''glielo dico o non glielo dico?'', siamo impacciati e ci comportiamo in maniera diversa dal solito. Partendo dal presupposto che vivere è come giocare d'azzardo, e solo chi può perdere può anche vincere, bisogna convincersi a rischiare. Si dice sovente che è meglio aver tentato e aver perso che non aver tentato affatto.
Ma cosa possiamo veramente perdere e cosa possiamo vincere? Quanto sono fondate le nostre paure?

36

Sentimento non ricambiato

Per riuscire nei nostri intenti dobbiamo essere convinti di potercela fare. Essere positivi è una risorsa di grande valore che è di grandissimo aiuto in tutti gli ambiti dell'esistenza umana. Tuttavia essere positivi non vuol dire per forza vivere in una finzione e non analizzare i risvolti negativi della vicenda, ma in tutti i casi sì vedrà bene che siamo noi ad ingigantire le nostre paure: il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge. Intanto consideriamo che dire ''mi piaci'' ad una persona è sempre un complimento e i complimenti sono sempre bene accetti. Proviamo a pensare di essere noi al posto di quella persona. Non ci sentiremmo forse lusingati di essere apprezzati e considerati da qualcuno, anche se non ricambiamo il sentimento? La risposta negativa ad un ''mi piaci'' non sarà perciò mai dura, non romperà alcun legame, anzi, chiarirebbe una situazione dubbia e potrebbe anche rendere più stretta l'amicizia, poiché rendiamo partecipi l'altra persona di pensieri molto intimi. A maggior ragione, se la persona alla quale confessiamo i nostri sentimenti è un amico, quello ci risponderà con tanta più dolcezza a seconda del grado di amicizia, perché tiene a noi e non vuole perderci certo a causa di un complimento. In realtà siamo noi il problema, non l'altra persona. Siamo noi che non accettando la situazione potremmo svalutare l'amicizia e non volerne più sapere di colui che ci ha respinto. Dunque, se partiamo con la mentalità aperta all'accettazione di una risposta negativa, le nostre paure non sono fondate e non rischiamo assolutamente nulla: se ci va male guadagniamo comunque un'amicizia ad un livello superiore.

Continua la lettura
46

Sentimento ricambiato

Se i nostri sentimenti saranno corrisposti avremmo fatto un terno al lotto. Il nostro desiderio sarà esaudito e sprizzeremo gioia da tutti i pori, ma anche qui non bisogna lasciare troppo spazio alle idealizzazioni. In ogni azzardo, più è basso il rischio meno ingente è la vincita. Come mostrato prima, rischiamo veramente poco dicendo un ''mi piaci'' e il valore della vincita ancora una volta dipende da noi. L'amico potrebbe anche ricambiare i nostri sentimenti, ma se non glieli avremo comunicati nel modo giusto e se non sapremo fare i passi successivi non avremo ottenuto nulla. Un ''anche tu mi piaci'' potrebbe non portare a nulla se non lo sappiamo sfruttare nel modo giusto, senza pressione, senza troppa agitazione e comunicando le emozioni giuste.
Come fare allora per vincere tutto il montepremi?

56

Comunicare il ''mi piaci''

Ogni persona è un caso unico e non esistono regole generali valide sempre e con chiunque, ma alcune dritte potrebbero aumentare la nostra probabilità di successo. Innanzitutto non dobbiamo essere bruschi o sconclusionati: dobbiamo comunicare i nostri sentimenti facendoli prima intendere, per non essere come un fulmine a ciel sereno, ma non dobbiamo perderci nella nostra introduzione. Occorre spiegare all'amico come è nato il sentimento amoroso nei suoi riguardi, affinché ne capisca la natura e si senta a proprio agio, senza però parlare direttamente di tale sentimento. Lui (o lei) deve sapere tutta la storia per poterci comprendere e per poter essere sincero a sua volta nei nostri confronti, e durante la nostra narrazione deve in un certo senso arrivare alla conclusione da solo. Il fattore sorpresa spaventa, perciò è meglio evitarlo e procedere per gradi.
Quando arriviamo al momento di confessare direttamente ciò che proviamo, è utile sapere che esistono due modi per comunicarglielo. Il primo modo sfrutta la comunicazione non verbale, come un abbraccio un po' più lungo del solito o un bacio più vicino alla bocca rispetto alla norma: potremo dedurre in anticipo, dalla reazione della persona, se saremo accettati o respinti. Il secondo modo è la classica comunicazione verbale, ma è molto più difficile essere chiari: ''mi piaci'' può non essere così chiara come espressione e ''sono innamorato di te'' può sembrare troppo importante. Bisogna pensare bene alle parole da dire e capire che non esiste la formula magica, ma solo la frase giusta al momento giusto. Sta alla nostra inventiva mettere insieme i vocaboli più adatti al nostro scopo e alla persona che abbiamo davanti. Infine bisogna anche saper aspettare la risposta. Dobbiamo mettere l'amico a proprio agio, non dobbiamo essere pressanti, insicuri o pietosi. Occorre mantenere dignità, personalità e positività e soprattutto non dobbiamo mai avere fretta.
Comunque sia, con chiunque e in ogni situazione, per agire al meglio dobbiamo essere capaci di metterci nei panni degli altri, in modo tale da poter prevedere tutte le conseguenze del caso e poter agire nella maniera più adeguata.

66

Un ultimo consiglio che mi sento di dare è di considerare che, prima di essere "amici" si è innanzitutto un uomo e una donna, ciò comporta che esista un'attrazione naturale verso l'uno o l'altro. Infatti la natura ci ha creati diversi per un motivo. Uomini e donne sono fatti per accoppiarsi e procreare, se non ci fosse questa necessità, l'attrazione non esisterebbe. Ma è del tutto naturale che invece ci sia. Quindi provare attrazione per un amico o un'amica è del tutto naturale e non bisogna vergognarsene ne tantomeno averne paura. Soprattutto di esprimere ciò che si prova per l'altra persona. Se il sentimento e l'attrazione non vengono ricambiati, non c'è da disperarsi, esistono comunque delle piccole strategie che potrebbero far cambiare modo di vedervi all'altra persona, e aumentare le vostre chance. Ma questo lo spiegheremo in un altro articolo, quindi non bisogna aver paura di innamorarsi di un amico o un'amica, perché potremmo anche essere ricambiati in segreto dall'altra persona senza saperlo.
Non mi resta quindi che augurare buona fortuna.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amicizia

Come dire a un amico che la moglie lo tradisce

Avere un vero amico nella vita è come possedere un tesoro prezioso. Si instaura un legame di profonda stima e rispetto, che nel migliore dei casi dura per sempre. La sua felicità diventa anche la nostra, e ciò è reciproco nelle vere amicizie. Quando...
Amicizia

Cosa regalare ad un amico malato

Nella vita quotidiana può succedere che un nostro caro amico possa trovarsi malato, può essere ad esempio che è ammalato a casa oppure è ricoverato in un ospedale, e il nostro pensiero principale è di andarlo a trovare a casa o in ospedale per rincuorarlo...
Amicizia

Come far capire a un amico che sbaglia

Succede spesso nelle amicizie più profonde, ma questo non vuol dire che non possa accadere anche nelle amicizie più recenti. L'orgoglio è una brutta bestia e spesso succede che, un amico, pur sapendo di sbagliare continua a fare una cosa solo per non...
Amicizia

Come capire se puoi confidare ad un amico i tuoi problemi di cuore

L'amicizia è uno dei valori più belli e importanti nella vita di una persona e per questo motivo, quando si ha la fortuna di avere vicino un buon amico e poter contare sempre sulla sua presenza, bisogna apprezzarlo. Ma come capire se chi ci sta vicino...
Amicizia

Come aiutare un amico che è stato lasciato

Tutti purtroppo, prima o poi, ci troviamo a dover affrontare una rottura di coppia e quello che spesso ci serve è l'aiuto dei nostri amici o familiari. Come fare quindi ad aiutare un amico che è stato lasciato? Non esistono delle regole ben precise...
Amicizia

Le 5 regole per essere un buon amico

Non è facile scrivere un decalogo per essere dei buoni amici. L'amicizia è un sentimento molto complesso, basato su similitudini caratteriali e, allo stesso tempo, si basa anche su differenze utili per uno scambio, per maturare nuove consapevolezze....
Amicizia

Frasi da non dire a chi ha appena perso il gatto

Chi ha appena perso il proprio gatto vive un momento molto difficile, deprimente e ha bisogno di tempo perché possa essere superato nel modo migliore.Se volete stare vicino a un amico/a che sta vivendo la stessa situazione vi suggeriamo quali sono...
Amicizia

Come rintracciare un amico dell'infanzia

Le vere amicizie durano in eterno. Una grande amicizia si rivela tale proprio quando non ci si vede da tanto tempo, ma si ritrova subito il feeling dei vecchi tempi. Questo anche perché spesso la vita di due amici prende direzioni opposte, quindi può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.