Come dormire in ufficio senza farsi beccare

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Al giorno d'oggi gli uffici sono sempre più controllati. Sono aumentati, infatti, i mezzi attraverso i quali i capi riescono a tenere sotto controllo i propri dipendenti. Diventa quindi sempre più difficile potersi concedere dei momenti di relax quando si è sul posto di lavoro e fare una pennichella. Ci sono però alcuni trucchi che possono risultare utili quando si decide di fare una pausa in ufficio. In questa guida vedremo in particolare come dormire in ufficio senza farsi beccare dai propri superiori.

27

Occorrente

  • Astuzia
  • Complicità dei colleghi
  • Cuscino gonfiabile
37

Innanzitutto dovete studiare bene tutti gli orari dell'ufficio in cui lavorate. In particolare dovete notare in quali orari di solito sono presenti gli addetti ai controlli o i vostri capi. Disegnate quindi una tabella in cui riportate con estrema precisione sia le ore che i giorni della settimana in cui ci sono maggiori controlli. In questo modo potete avere ben chiaro quali sono i giorni e i momenti migliori per schiacciare un pisolino senza farvi beccare.
In ogni caso tenete sempre presente che può capitare un imprevisto o un errore marginale nei vostri calcoli. Ecco perché è sempre importante avere un complice che vi salvi dai guai.

47

Ognuno sul luogo di lavoro dovrebbe infatti avere una o più persone di fiducia che ci avvertiranno quando il capo sta per rientrare in ufficio. Visto che il capoufficio a volte potrebbe fare delle incursioni improvvise, potrete contare sulla complicità della segretaria o del collega di turno. Ovviamente, se tutti gli impiegati di un ufficio risulteranno d'accordo con queste regole, la possibilità di dormire diventerà quasi una consolidata routine. In questo modo ci saranno problemi particolari in futuro. Anche voi però dovete essere sempre disponibili con gli altri e aiutarli nelle loro "scappatelle". Solo facendo così si creerà un ambiente in piena armonia. In questa maniera potrete anche evitare la presenza di pericolosi "fuoriusciti" che potrebbero fare la spia con il capo.

Continua la lettura
57

Per non essere beccati mentre si dorme, inoltre, è importante anche avere con sè la giusta attrezzatura. Il consiglio è quello di acquistare un comodo cuscino gonfiabile che occupa poco spazio. Potete riporre infatti questo oggetto in borsetta o nel cassetto della scrivania senza che nessuno se ne accorga.
Solo quando vi serve, potrete gonfiare il cuscino e, seduti sulla sedia, appoggiare il capo sul gonfiabile. Inoltre, se dovessero presentarsi problemi improvvisi, non dovrete fare altro che sgonfiare il vostro cuscino e rimetterlo nella borsetta. Se poi volete fare le cose per bene e siete dei veri e propri temerari, potete portarvi addirittura una poltrona gonfiabile o un piccolo materassino. Nel primo caso potete dormire seduti, invece con la poltrona potete addirittura sdraiarvi. Ad ogni modo la seconda opzione risulta ben più pericolosa perché non vi permette di alzarvi prontamente se arriva il capo all'improvviso.

67

Molto spesso si può anche schiacciare un pisolino nel bagno dell'ufficio. Non è forse il migliore dei posti ma organizzandosi bene si può dormire comodamente. Anche in questo caso basta avere un cuscino gonfiabile da appoggiare alla parete. Il bagno inoltre è un posto abbastanza sicuro perché vi permette di chiudervi a chiave. Nessuno quindi può entrare all'improvviso e cogliervi sul fatto. Al massimo potete inventare una scusa dicendo che non vi sentite bene. Ricordatevi in ogni caso di nascondere il cuscino per non destare sospetti!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di creare uno spirito di collaborazione e complicità con i vostri colleghi e copritevi a vicenda
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amicizia

Come farsi rispettare al lavoro

Quando si è appena ottenuto un nuovo posto di lavoro, ciò che più spaventa il neo-assunto è il fatto di non avere una buona impressione sui colleghi o sui dirigenti. L'arma vincente per superare questo ostacolo è mostrarsi consapevoli delle proprie...
Amicizia

Come farsi valere nel lavoro

Affermarsi nel lavoro, costruirsi una carriera solida e soddisfacente non sempre è facile. I colleghi rappresentano il primo ostacolo tangibile. Non sono amici, ma veri antagonisti. Spesso celano competizioni malsane, invidia, gelosia. Aspettano l'occasione...
Amicizia

Come farsi notare dalla gente

L'interazione è alla base dei rapporti interpersonali. Alcuni individui hanno più carisma di altri ed attirano le attenzioni di coetanei, colleghi e conoscenti. I soggetti timidi e riservati riscontrano qualche difficoltà. Passano rovinosamente inosservati...
Amicizia

Come non farsi ingannare

L'amicizia è un sentimento straordinario veramente importante ed avere dei rapporti d'amicizia abbastanza stretti con alcune persone è davvero fondamentale. Naturalmente, chiunque desidera avere degli amici fedeli al proprio fianco, ma spesso gli individui...
Amicizia

Come farsi restituire una cosa prestata

Dare in prestito alcuni nostri oggetti è un fatto piuttosto normale, specialmente quando si tratta dei nostri amici. Per un favore o un'emergenza qualcuno potrebbe chiedere in prestito qualcosa. Può essere qualche soldo come un libro. Sono richieste...
Amicizia

Come farsi apprezzare dalle persone

Farsi apprezzare dalle persone che ci circondano è un problema che viviamo in qualunque età. Dalle scuole superiori, fino all'entrata nel mondo del lavoro, ma anche semplicemente davanti un bar o in una discoteca. L'uomo, o almeno l'uomo socievole,...
Amicizia

Come farsi restituire dei soldi prestati

Un giorno siete andati al bar, al ristorante o ad un aperitivo con gli amici. Uno fra tanti di loro, vi ha chiesto un prestito. Magari gli avete pagato la cena e loro hanno promesso di restituirvi i soldi. Oppure, vi ha proprio chiesto in prestito una...
Amicizia

Come farsi notare in classe

Ambientarsi in una nuova classe può risultare difficile per alcuni ragazzi, specialmente per i più timidi. A volte, anche chi conosce tutti i suoi compagni, però si sente in disparte e vorrebbe essere più al centro dell'attenzione. Ma come fare? Non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.