Come educare un figlio a non lasciarsi condizionare dai compagni

Tramite: O2O 28/04/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

Educare un figlio ed osservarlo crescere, è di certo una delle cose più belle della vita di un genitore. Eppure educare un figlio, specialmente quando è ancora molto piccolo e vulnerabile, non sempre si rivela un compito facile. Le prime difficoltà più consistenti nell'educare un figlio si presentano, solitamente, quando il bimbo inizia ad esplorare l'ambiente esterno in autonomia, stringendo le sue prime relazioni sociali nel mondo della scuola. Le relazioni sociali del bambino piccolo, asimmetriche (come quelle con le maestre e gli adulti) e simmetriche (le relazioni con i coetanei, come i compagni di scuola) sono molto complesse, e spesso è necessario aiutare il piccolo a gestirle con più sicurezza. Questa guida fornirà alcune indicazioni pratiche per scoprire come educare un figlio a non lasciarsi condizionare dai compagni di scuola e dagli amichetti, in modo da promuovere, nel bimbo, una solida autonomia di pensiero e di azione fin dall'infanzia. In questo modo il bambino eviterà di cacciarsi in situazioni sgradevoli e per i suoi genitori sarà più semplice guidare il cammino della sua crescita.

25

Accade molto spesso che un figlio piccolo, solitamente dai 4 agli 8 anni, tenda a lasciarsi condizionare dai compagni di scuola nelle sue azioni, nei comportamenti e nei pensieri. Ciò accade semplicemente perché in quel momento della sua vita, il bambino inizia a confrontarsi, per la prima volta, con il mondo dei suoi coetanei, i compagni di classe. I primi amichetti del bambino rappresentano dei nuovi e magici punti di riferimento, alternativi ai genitori, nei quali identificarsi per iniziare a formare una propria personalità ed identità.

35

Quando un figlio più grande, in età adolescenziale, tende a lasciarsi condizionare pesantemente dai suoi compagni in ogni comportamento, soprattutto in quello più sbagliato e dannoso per sé stesso o per gli altri, è allora il momento, per un genitore, di intervenire, seppure pacatamente. Il primo passo per educare un figlio a non lasciarsi condizionare in tutto dai suoi compagni è, infatti, quello di comprendere i motivi che spingono il ragazzo adolescente ad imitare i coetanei, soprattutto nelle azioni più pericolose.

Continua la lettura
45

Imporre ad un figlio un modello educativo di comportamento e di pensiero troppo rigido può, senza dubbio, contribuire alla tendenza del ragazzo a lasciarsi condizionare da modelli alternativi del tutto opposti a quelli genitoriali, proprio per marcare il contrasto e far capire alla famiglia di voler essere diverso. Un genitore dovrà allora ammettere il proprio errore con il figlio: il ragazzo resterà estremamente colpito da questo atto generoso di comprensione da parte del genitore e, di certo, aprirà maggiormente il suo cuore ad un dialogo più aperto ed onesto che rappresenta la chiave di ogni vero rapporto di affetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Problemi Adolescenziali

Come consolare un figlio adolescente innamorato non corrisposto

Stare vicini ai nostri figli anche nelle difficoltà è un qualcosa di fondamentale importanza se vogliamo che i nostri figli si sentano sempre sicuri e protetti. Ad esempio, se nostro figlio adolescente è innamorato di una ragazza che non lo ama, sarà...
Problemi Adolescenziali

Come far smettere di fumare il proprio figlio

Nonostante le numerose campagne anti-tabagismo promosse attraverso i media anche nel nostro paese, sono ancora moltissime le persone che hanno il vizio del fumo, e fra queste anche moltissimi giovani ed adolescenti. Fumare, infatti, rappresenta per molti...
Problemi Adolescenziali

Come gestire un figlio ribelle

Essere un genitore e avere a che fare con i bambini non è mai semplice, purtroppo di errori se ne possono commettere moltissimi e gestire un figlio con il tempo potrebbe diventare complicato, soprattutto se il figlio ha un carattere ribelle e complicato....
Problemi Adolescenziali

Come sostenere tuo figlio durante la crisi preadolescenziale

Sostenere un figlio o una figlia durante la crisi preadolescenziale è un compito difficile che mette prima o poi alla prova tutti i genitori: non c'è ragazzo che affacciandosi alla pubertà non attraversi una fase di spaesamento che può sfociare in...
Problemi Adolescenziali

Come "frenare" un figlio adolescente

Le persone che hanno un figlio adolescente oppure ricordano la propria adolescenza sanno quanto tale fase della vita possa essere complicata: figli ribelli che desiderano ritornare tardi a casa, cercano delle compagnie sempre nuove, credono di poter cambiare...
Problemi Adolescenziali

Cosa fare se tuo figlio non ti ascolta

In quasi tutte le famiglie capitano spesso dei litigi tra genitori e figli. Uno dei motivi principali di queste tensioni è la poca disciplina che i figli spesso hanno nei confronti dei loro genitori. Questo genera, il più delle volte, delle discussioni...
Problemi Adolescenziali

Cosa fare se tuo figlio non vuole studiare

L'educazione da dare ad un figlio è una delle basi dell'essere genitore. Ma allo stesso tempo, un figlio va capito e spronato a raggiungere gli obiettivi più importanti per la sua vita. Certamente uno di questi è lo studio e molto frequentemente può...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi quando il figlio ha la prima cotta

Quando il proprio figlio ha la prima cotta, molti genitori entrano nel panico. Iniziano ad alimentarsi in loro ansie, dubbi e paure. In realtà questa fase non dovrebbe essere vissuta con timore, ma come una normale evoluzione psico-sociale del proprio...