Come fare un ricorso per separazione consensuale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L’istituto giuridico della separazione è disciplinato dalle norme ed in particolare dal primo comma dell’art. 151 secondo cui “La separazione può essere chiesta quando si verificano .. Fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza... ”. Non tutti sanno, però, che la separazione, solo se consensuale, può essere avviata mediante la presentazione di un ricorso per separazione consensuale anche direttamente dai coniugi che non si avvalgono di un legale. Tale modalità consente, oltre ad un notevole risparmio economico anche una ingente riduzione per quanto riguarda i tempi di attesa della sentenza.
Nella guida che segue vedremo alcuni semplici consigli su come fare un ricorso per separazione consensuale in modo rapido ed intuitivo al fine di ottimizzare quanto più possibile energie e costi.

26

Occorrente

  • Volontà di ottenere una separazione consensuale
36

Come prima cosa, se i coniugi vorranno fare a meno della consulenza di un avvocato, risparmiando così sulle spese legali, non dovranno redigere alcun ricorso. La redazione di quest'ultimo, infatti, è un atto di competenza di un avvocato il quale agisce in rappresentanza dei propri clienti, e successiva dovrà depositarlo presso la cancelleria del Tribunale competente. I coniugi che rinunciano ad un avvocato, per una separazione "fai da te", dovranno compilare un apposito modulo, molto più semplice perché prestampato, che potranno richiedere direttamente presso la cancelleria del Tribunale in cui i coniugi sono residenti.

46

La separazione deve essere necessariamente consensuale in quanto non è ammessa la procedura di separazione senza avvocato nei casi di separazione giudiziale.
Quando i coniugi avranno trovato un accordo sia sullo scioglimento del matrimonio, sia sugli aspetti patrimoniali ad esso connessi (ovvero: importo e modalità di erogazione dell’assegno di mantenimento per l’ex coniuge ed eventuali figli, nonché accordo sulla destinazione della casa familiare, ecc…), dovranno recarsi nella cancelleria del Tribunale e depositare il modulo di ricorso compilato, a cui sarà necessario allegare l’estratto dell’atto di matrimonio, lo stato di famiglia ed il certificato di residenza dei coniugi.

Continua la lettura
56

Dopo aver reperito e depositato tutta questa documentazione i coniugi dovranno contattare il tribunale competente nei giorni immediatamente successivi al deposito del ricorso al fine di conoscere con esattezza il giorno dell’udienza di comparizione. In quella data ambedue i coniugi dovranno recarsi in Tribunale e compariranno dinnanzi al Presidente, che una accertata la volontà di entrambi di porre fine al matrimonio, omologherà la sentenza di separazione rendendola definitiva e valida a tutti gli effetti di legge. Tale procedura consensuale, benché più rapida, presuppone una buon livello di collaborazione e dialogo tra coniugi che decidono di superare rabbia ed astio per arriare ad una soluzione comune.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione: se il reddito, anche quello di un solo coniuge, è inferiore a € 10.700 circa, si ha diritto al gratuito patrocinio, ovvero le spese legali sono pagate dallo stato ed è possibile scegliere qualsiasi avvocato di fiducia.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

La separazione giudiziale: come funziona

Bisogna premettere che la separazione giudiziale funziona come un semplice allontanamento dei coniugi, in cui essi non pongono fine al matrimonio, né viene meno lo stato civile di “coniugato”. Pertanto, gli effetti che determina la separazione incidono...
Divorzio

Come si svolge di divorzio consensuale

Il matrimonio è la colonna portante della nostra società, l'istituzione più importante che lega due coniugi. Generalmente quando due persone si trovano bene insieme, il passo successivo è quello di convolare a nozze. Capita però sempre più spesso...
Divorzio

Come modificare le condizioni di separazione

Le condizioni contenute nella sentenza di separazione o in un provvedimento di omologazione della separazione consensuale o ancora in un provvedimento che già in precedenza aveva modificato le condizioni, possono essere, in ogni momento, per giustificati...
Divorzio

Separazione e divorzio con la negoziazione assistita

La Legge N. 162 del 10 novembre 2014, consente a chi ha deciso di separarsi o divorziare, di velocizzare i tempi e ridurre i costi di queste complesse procedure. I coniugi italiani, infatti, possono ricorrere alla negoziazione assistita e in pochi giorni...
Divorzio

Come dire al marito che si vuole la separazione

Siete proprio sicure che volete la separazione da vostro marito? Avete fatto tutti i tentativi per tenere in piedi il vostro matrimonio ma proprio non ce la fate a sopportare la situazione? Temete che vostro marito non vuole separarsi e non sospetti affatto...
Divorzio

Come divorziare senza avvocati

Il divorzio è l'istituto giuridico che permette lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio quando tra i due coniugi è venuta meno la comunione spirituale e materiale di vita ed essa non può essere in nessun caso ricostituita....
Divorzio

Comunione o separazione dei beni

Gli articoli 143 e 147 del Codice Civile regolamentano gli obblighi economici dei coniugi nell'ambito familiare e dei figli. Per legge, i futuri sposi devono scegliere il regime patrimoniale tra comunione o separazione dei beni. È una scelta emotivamente...
Divorzio

Separazione: come gestirla quando ci sono i figli

Quando una relazione è giunta al capolinea, l'unica e inevitabile strada da percorrere è la separazione. Un momento difficile e di grande sofferenza, in cui rabbia, rancori e risentimenti possono prendere il sopravvento. Ad ogni modo, la separazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.