Come gestire due relazioni contemporaneamente

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Nella società odierna, il tradimento è ormai all'ordine del giorno, e non ci si scandalizza più di tanto come si faceva passato. Sotto certi punti di vista, il tradimento rappresenta un vero e proprio rimedio per i tanti problemi che affliggono le coppie, oppure può essere visto solo come un momento di trasgressione, per poter tornare alla solita routine quotidiana. Non sempre però, ciò che si desidera può essere facile da gestire, e proprio in questo caso, quelli che aspirano ad avere più relazioni allo stesso tempo, spesso finiscono con l'essere scoperti, portando conseguenze inevitabili. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come gestire due relazioni contemporaneamente, fornendovi qualche spunto interessante per imparare a gestire più di una relazione. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Astuzia
  • Intelligenza
  • Piccole bugie o mezze verità
  • Molta attenzione
36

Capita spesso che all'improvviso, in una relazione coniugale o in un rapporto duraturo, subentra il terzo incomodo. Può essere il/la collega appena trasferito nel vostro ufficio, l'amico/a di vecchia data che non incontravate da anni o il nuovo commesso del negozio sotto casa. Fatto sta che questa persona riesce a mettere in discussione tutto ciò in cui credevate e anche la fedeltà, a quel punto, vacilla. Ci si ritrova a consumare il proibito con il nuovo amante, con il desiderio di non mandare a rotoli la storia di una vita. Come fare? Se si convive, sarà sicuramente più complicato vivere la storia clandestina, senza far scoprire al partner il tradimento, ma con qualche mossa astuta, si rivelerà un gioco da ragazzi.

46

Innanzitutto, non cambiate atteggiamento, mai! Premesso che le uniche persone che devono sapere della scappatella siete voi e l'amante, vediamo alcuni consigli che possono aiutare. Prima regola, rimanete quelli di sempre. Sì, perché avere atteggiamenti strani, misteriosi o ancora peggio di paura di essere scoperti, insospettirà il partner, che comincerà ad indagare fino a smascherarvi. Seconda regola, essere chiari da subito. Dovete mantenervi entro certi canoni e non potete assolutamente permettervi di farvi vedere in giro con l'amante, o peggio, di ricevere continuamente sms, mail e telefonate che potrebbero essere intercettati o letti dal partner. Terza regola, chiarite fin da subito all'amante il suo ruolo, con le vostre regole quindi niente sms, niente "posta" fuori dal lavoro, niente incontri se non da voi stabiliti.

Continua la lettura
56

Gli incontri dipendono molto dalla vicinanza che si ha con l'amante. Se abita nella vostra città, sarà sicuramente molto più facile vedersi, ma più complicato da gestire e da nascondere. Se si lavora assieme, sarà più facile ancora, e le cene di lavoro diventeranno inevitabilmente dei piccanti incontri a cui non si può scampare, con il vantaggio che non dovrete neanche mentire, né inventare scuse per giustificare l'uscita. Se il vostro partner frequenta un corso, palestra, o fa sport, spronatelo a non perdere i suoi appuntamenti, cosicché anche voi avrete la possibilità di gestire qualche ora di libertà con l'amante, senza dover inventare scuse impossibili pur di incontrarlo/a. Certamente non in un albergo del centro dove abitate, dove si devono presentare i documenti e dove è facile essere riconosciuti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Acquistate un altra sim e create un altro account di posta elettronica dove ricevere chiamate e messaggi dell'amante
  • Fate sì che la relazione extra coniugale non sia di pubblico dominio
  • Non pagate mai con il bancomat
  • Non cambiate atteggiamento con il partner

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amore

Come gestire una relazione occasionale

Sino a non molti anni fa i rapporti affettivi si dividevano in tre categorie: quelli familiari, quelli di amicizia ed i rapporti d’amore. Vi era un solo modo di intendere questi ultimi, ovvero una relazione di coppia a due stabile e duratura nel tempo....
Amore

Come gestire una relazione con un uomo sposato

"Al cuore non si comanda" diceva qualcuno... Ma se l'uomo di cui ci innamoriamo è già sposato? Non è raro che ci si possa ritrovare nello scomodo ruolo dell'amante, soprattutto noi donne. Vivere un triangolo amoroso non è per nulla facile, quindi...
Amore

Come gestire una relazione sul luogo di lavoro

Gestire una relazione amorosa non è mai semplice. Infatti le problematiche a cui un rapporto è soggetto sono infinite, se poi nascono sul luogo di lavoro allora sì che diventa un vero e proprio problema. Che però potrà essere gestito analizzando...
Amore

8 regole per gestire una relazione amorosa

Una relazione amorosa non è una composizione chimica o una formula matematica. Non la si può racchiudere in dati, statistiche e vademecum. Ciononostante, è importante utilizzare e seguire una serie di "principi" non scritti dettati dal buon senso....
Amore

Come gestire un partner attaccato alla mamma

Ogni donna è gelosa del proprio uomo e non vorrebbe mai condividerlo con nessuno. Se poi il partner è attaccato alla propria mamma, la questione diventa ancora più problematica. Ed ecco che ci si ritrova a dover gestire i così detti uomini "mammoni"....
Amore

Come gestire la gelosia verso il partner

La gelosia deve essere considerata un sentimento al pari di tutti gli altri come: odio, rabbia, paura ecc. È da considerarsi una cosa sana fino a quando però non sconfina in qualcosa di veramente morboso, in questo caso può diventare una vera e propria...
Amore

Come gestire una nuova relazione con un ragazzo

Quando la relazione con il partner termina, anche se non lo ammettiamo, soffriamo per la fine del rapporto. Soprattutto se siamo persone semplici nei comportamenti con gli altri. Gestire una nuova relazione con un ragazzo ci fa' paura. Inconsciamente...
Amore

Come gestire l'avventura di una notte

Può capitare a tutti di trovarsi in contesti sentimentali, che spingano a consumare un rapporto fugace ed occasionale. L'avventura di una notte non è più un tabù, né per gli uomini, né per le donne. Si vive con sicurezza, considerando il rapporto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.