Come lasciare la moglie senza farla soffrire

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Non sempre le donne quando vengono lasciate da un uomo soffrono. Dipende dal carattere di ciascuna di esse. Ci sono, infatti, delle personalità molto forti che talvolta sanno reagire meglio degli uomini. Per lasciare la moglie senza farla soffrire, è necessario volerle bene. Infatti, se due persone si lasciano perché si odiano, non è semplice raggiungere questo risultato. In questa guida vi spiegheremo, pertanto, come lasciare la propria moglie senza farla soffrire, nel miglior modo possibile.

26

Se la donna è una persona sensibile e con i figli, la cosa che tende a farla maggiormente soffrire è proprio questa. L'allontanamento del marito determina, infatti, un cambiamento per tutti quanti i componenti della famiglia. Se un uomo è molto legato ai propri bambini, sicuramente comprende che la moglie, essendo mamma, tende a soffrire non poco. Avere un figlio unico non vuol dire, tuttavia, soffrire di meno. Tutti quanti reagiscono in maniera differente di fronte alle situazioni di abbandono.

36

Il primo consiglio che vi diamo è quello di far sentire alla moglie che, come lei, si ama il frutto della propria relazione. Spesso si tende ad essere egoisti e pensare al proprio presente. I bambini percepiscono tutto quanto, anche gli aspetti negativi. Ovviamente, la madre è una donna estremamente fragile, tende a soffrire, e trasmette il suo stato d'animo ai propri figli. Un buon consiglio che diamo agli uomini è quello di continuare a mantenere le stesse abitudini di vita che si tenevano durante il matrimonio, come continuare ad accompagnare i bambini in palestra, oppure a scuola ed al catechismo. Non stiamo parlando di un qualcosa di facile da mettere in pratica. In particolar modo, se si sta frequentando già un'altra donna e magari si ha già un figlio da lei, non è per niente semplice dedicare le stesse attenzioni ai figli avuti con l'ormai ex moglie. Essere degli uomini maturi, vuol dire proprio questo, ossia affrontare con responsabilità le situazioni del presente, nonostante le complicazioni quotidiane. Quando si ha qualcosa da dire, è buona regola riferirlo direttamente alla persona interessata. Anche la moglie può essere d'aiuto in questa situazione, anche se non ha la sfera magica. È fondamentale parlarsi e lasciare gli altri conoscenti, fuori dal nucleo familiare. Anche se dovesse essere in atto un processo di separazione, la nuova compagna non deve interferire nei rapporti personali.

Continua la lettura
46

Ovviamente, nessuna persona è perfetta, e mettere in pratica questi semplici consigli non è per niente semplice. Nonostante questo, rappresenta l'unica strada che conduce ad un equilibrio tra le due parti. Le situazioni sono differenti, e stare male è quasi inevitabile. Anche per una donna che non ha bambini, la separazione spesso e volentieri può rivelarsi un trauma. In questo caso, naturalmente, essere maschilisti rappresenta la cosa peggiore, anche nel caso in cui la colpa non è dell'uomo. Far sentire una donna in colpa per una mancanza o altro, è un dispiacere enorme. Se si è arrivati al capolinea di un matrimonio, un motivo ci deve essere. Ed è pressoché inutile piangersi addosso. Allo stesso tempo, non serve a nulla continuare a dire di avere ragione. Una persona razionale, infatti, comprende che la colpa di un matrimonio andato in frantumi non appartiene soltanto ad uno dei due coniugi. Chiudiamo il discorso, consigliandovi di vivere il presente con i suoi pregi e difetti, guardando al futuro colmi di speranza ma con i piedi per terra.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se la donna si sente colpevole della vicenda, cerchiamo di incoraggiarla.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

5 domande da porti prima di chiedere la separazione

Le separazioni non sono mai cosa facile purtroppo. Le coppie in Italia si separano sempre di più questo è indice che la scelta della persona giusta viene presa molto più in fretta rispetto al passato. Purtroppo però certe volte separarsi è la scelta...
Amore

Consigli per gestire una relazione con un uomo sposato

Non è raro il caso, in cui per situazioni di crisi, anche una donna con tanto di marito e figli, oltre che la nubile, si senta attratta da un uomo sposato. Non è certamente voluto, ma sappiamo bene che al cuore non si comanda. Mentre il sesso forte...
Vita di Coppia

Cosa dire a tua moglie per farle capire che non sei felice

Il matrimonio è una cosa meravigliosa, amare una persona e poterla vivere ogni giorno lo è ancora di più: non sempre però è tutto rosa e fiori. Capita molto spesso, che il marito non si senta felice nel rapporto matrimoniale. I fattori possono essere...
Matrimonio

Come dire al marito di averlo tradito

Nonostante il matrimonio parta dal presupposto che i due coniugi dovrebbero essere sempre reciprocamente fedeli, a volte possono capitare delle sbandate di testa e dei momenti in cui si perde il controllo di se stessi lasciandosi andare tra le braccia...
Famiglia

Come rivelare ad una moglie l'esistenza di un figlio segreto

Per quando l'amore sa fare disastri. Per quando l'amore sa anche dire bugie. Per quando l'amore fa così paura che lo sai che se sposti quel tassellino lí, tutto cade. Tutto. Capita per amore. Capita per paura. Bugie. Capita e basta. Ma arriva un esatto...
Amore

10 frasi per lasciarla senza ferirla

Se credete che la relazione che avete instaurato con una donna o con una ragazza sia giunta al termine, e volete dunque lasciarla, avete trovato una guida che fa al caso vostro. Molte persone non sanno come fare il discorso per concludere una relazione,...
Amore

Come lasciarsi senza soffrire

Chiudere una storia d'amore senza soffrire è davvero difficile, se non impossibile. Sia chi lascia che chi viene lasciato ha dei motivi per soffrire. Dolore, sensi di colpa, rabbia non lasciano spazio ad altri sentimenti. Specie quando le relazioni sono...
Amore

Come lasciare una ragazza e non farla soffrire

In ciascun rapporto d'amore deve assolutamente esistere un forte e comune rispetto, anche quando esso finisce oppure si modifica: entrambe le parti che costituiscono la relazione amorosa si devono sentire quotidianamente importanti, senza farsi mai del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.