Come mascherarsi ad Halloween

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Halloween è quella festa che ricorre il 31 ottobre e che l'Italia ha importato dall'estero, ormai da qualche decennio. Questa festa è infatti originaria dei paesi anglosassoni e deve il suo nome proprio alla giornata in cui si celebra, ovvero la vigilia della festa di Ognissanti. Le tematiche di Halloween sono strettamente legate al tema horror e quindi a tutti quei temi collegati a mistero, oscurità, sangue e morte. Questi sono i principali elementi che devono caratterizzare la vostra maschera, più verosimiglianti riuscite a renderli e meglio riuscirà infine il travestimento. In questa guida vediamo come mascherarsi ad Halloween.

25

Come già detto, i principali travestimenti di Halloween sono legati a tematiche horror. Alcuni sono molto abusati, altri sono invece più ricercati. Ovviamente la prima cosa che dovete considerare per il vostro travestimento è il tema della serata alla quale parteciperete. Solitamente quando si sceglie la maschera, si decide se reinterpretare un personaggio specifico (Dracula e Morticia tra i più quotati) oppure se più genericamente travestirsi da zombie, morto vivente o vampiro, rientrando quindi in una categoria più generica. Potete scegliere la vostra maschera proprio in base al tema dell'evento a cui parteciperete e così vi faciliterete molto le cose.

35

Prescindendo dal tipo di maschera, alcuni elementi fondamentali sono comuni a tutti i travestimenti di Halloween, in primo luogo i colori. I colori sono fondamentali per la perfetta riuscita del vostro costume. In particolare dovete cercare di utilizzare tre colori: il nero, il rosso ed il bianco. Il nero è il colore più rappresentativo del mistero e delle cose oscure in generale ed inoltre si associa sempre alla morte. Sicuramente è il miglior colore da utilizzare per mascherarsi ad Halloween, non va mai dimenticato. Il bianco si associa al pallore dei cadaveri, ai vampiri e a tutte le creature che vedono poco la luce del sole, come appunto quelle che sono oggetto del nostro travestimento. Va usato soprattutto per truccare la pelle e darle un colore più "cadaverico" ma, se si opta per il vampiro, può essere utilizzato anche per la camicia. Il rosso si associa prevalentemente al sangue ma anche ai suddetti personaggi horror. Va usato per gli accessori, per le parti di vestiario e per creare ferite e parti insanguinate.

Continua la lettura
45

Soprattutto quando si interpretano personaggi generici si ricorre a sangue finto sul viso, finte ferite sparse per il corpo e/o strappi sui vestiti, che indubbiamente fanno scena. Il segreto per far sì che la vostra maschera riesca bene è infatti nei dettagli. Se interpretate un personaggio specifico dovete cercare in tutti i modi di essere riconoscibili e, prendere ispirazione direttamente dalle vesti e dal trucco di quel personaggio, sarà sicuramente la scelta migliore da fare. Se invece interpretate un personaggio generico dovete distinguervi dalla massa curando al massimo i dettagli, ad esempio rendendo bene le ferite e i sanguinamenti.

55

Questi sono i principali travestimenti utilizzati, ma vediamo velocemente qualche altra idea su come mascherarsi ad Halloween. Per esempio la strega, facile da realizzare anche solo abbondando con il trucco e mettendo una parrucca, magari accostando al nero accessori questa volta viola. Oppure per le maschere dei bambini, si può optare per qualcosa di leggermente più soft e davvero molto semplice da realizzare, come il fantasma. Anche zucche, diavoletti, pipistrelli e gatti neri sono figure ideali. In ogni caso però ricordate sempre che l'importante è festeggiare, quindi anche se la maschera non è riuscita al meglio, quello che conta è trascorrere piacevolmente la serata.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amicizia

Come allontanare una persona

A volte, nella vita, capita di dover allontanare una persona, un conoscente, un (ex) amico che ci ha delusi e non è sempre facile farlo senza ferire i sentimenti dell'altro. Per riuscirci, l'importante è procedere per gradi, cosicché qualsiasi errore...
Amicizia

Idee per la festa di diploma

Il giorno del diploma è la fine della fase adolescenziale non solo a livello scolastico, ma segna anche l'inizio di un futuro percorso di studi universitari o di un avvio al lavoro. Il giorno del diploma dunque, è un giorno che va ricordato, festeggiato...
Amicizia

Come animare una serata noiosa

Può capitare in una riunione tra amici, durante un'uscita o una cena che ci sia un calo dell'allegria e del coinvolgimento e gli ospiti non si divertano. Tuttavia e per fortuna esistono dei modi semplice per ravvivare l'atmosfera e cambiare completamente...
Amicizia

Come riconoscere le false amicizie

Un vecchio proverbio recita: "Chi trova un amico trova un tesoro!" Niente di più vero e sacrosanto, trovare un amico che sia disposto ad esserlo fino in fondo, non è poi facile come sembra. A volte si ha la brutta abitudine di chiamare "amici" chiunque,...
Amicizia

Come distinguere un falso sorriso

Un sorriso non sempre cela emozioni positive. Si sorride per motivi diversi: felicità, ansia, rabbia o sorpresa. Per mascherare la tristezza o perché le etichette sociali e le circostanze lo impongono. Il sorriso mette in moto numerosi muscoli facciali....
Amicizia

5 modi per festeggiare il diciottesimo compleanno

In quasi tutti i Paesi del mondo l'arrivo del diciottesimo compleanno è considerato un evento unico e intramontabile. I 18 anni non sono solo una tappa anagrafica del cammino della vita di ogni essere vivente, ma è la fase più importante che fa da...
Amicizia

Come stupire gli amici a cena

La cena, che sia di lavoro o di piacere, è sempre un momento utile e perfetto per relazionarsi con gli altri e per divertirsi con gli amici e i conoscenti. Inoltre può essere un ottima occasione per trascorrere una bella serata, come magari davanti...
Amicizia

Come divertirsi ad una festa

A chi non è capitato di sentirsi a disagio in mezzo a delle persone che non conosciamo e quindi di come non divertirci ad una festa? Magari ad una festa, con tantissime persone, forse perché caratterialmente ci sentiamo timidi, e di conseguenza siamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.