Come presentare il nuovo compagno ai propri figli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

A seguito di una separazione, presentare il nuovo compagno ai propri figli è sempre un momento particolarmente delicato. Per questo motivo va preparato il terreno, soprattutto se i bambini sono piccoli ed hanno già subito il trauma della lacerazione del nucleo familiare d'origine. Introdurre una persona sconosciuta nell'universo dei bambini significa prospettare loro un nuovo futuro, una nuova figura maschile con la quale imparare a rapportarsi.
Nella guida che segue vedremo alcuni utili consigli su come presentare il nuovo compagno ai propri figli affinché il processo di "conoscenza" sia il più possibile sereno.

26

Occorrente

  • Sensibilità e tatto
36

Prima di presentare il vostro nuovo compagno ai bambini assicuratevi che la relazione che state vivendo sia stabile ed abbia le basi per essere duratura. I bambini non riescono ad elaborare i distacchi come gli adulti ed è bene introdurre il vostro nuovo compagno senza pericolo di ulteriori allontanamenti. I bambini, almeno in una prima fase, potranno dimostarsi distaccati ma poi si legheranno alla nuova figura e di questo dovrete tenere conto; accettate quelli che sono i loro tempi con serenità, senza alcuna fretta. Parlate serenamente ai vostri figli, usate un linguaggio pacato ma chiaro e non abbiate tentennamenti. Non descrivete il vostro compagno come se non aveste occhi che per lui perché scatenereste la gelosia ed il malessere nei vostri bambini.

46

Prima di presentare il nuovo compagno ai vostri figli accertatevi sullo stato psicologico del/i bambino/i: informatevi sul suo andamento scolastico, su come vanno i rapporti con i compagni di scuola e con gli amichetti. Assicuratevi che sia sereno e non covi risentimenti o disagi inconsci nei vostri confronti; putroppo, a volte, possono essere le conseguenze di una separazione, anche la più pacifica che esista. Dal punto di vista "pratico" è bene che i bambini conoscano il vostro compagno in modo graduale ed in luoghi "neutri" quindi in un parco, mentre fate una passeggiata oppure al ristorante. Solo dopo incontri più o meno "casuali" potrete incontrarvi a casa di uno dei due. Situazioni come dormire sotto lo stesso tetto devono essere diluite nel tempo fino a che potrete trascorrere periodi più lunghi insieme, come le vacanze. Se per caso anche il vostro nuovo compagno ha a sua volta dei figli fate in modo che li conoscano dopo aver conosciuto lui; così tutto sarà più "soft" e meno traumatico possibile.

Continua la lettura
56

Quando invece i figli sono adolescenti in certo senso il processo può talvolta rivelarsi più agevole mentre il altri casi più complesso; dipende essenzialmente dai rapporti familiari instaurati con i ragazzi. Naturalmente il rapporto che si stabilirà con il nuovo compagno non deve essere qualcosa di imposto ma il frutto di reciproco desiderio di conoscenza e di "andare d'accordo" per il bene che si vuole alla madre. Il nuovo compagno dovrà in alcun modo porsi in antagonismo con il loro padre naturale dovrà altresì cercare di entrare nella loro vita in "punta di piedi" lasciando che siano loro a permettergli di stabilire un rapporto autentico.
È altrettanto importante non fare mai paragoni tra i vostri figli e quelli vostro nuovo partner, rischiereste di scatenare rivalità oppure ferire il loro amor proprio in un momento delicatissimo in cui l'autostima è più che mai "in ballo" come quello dell'adolescenza.
Gli aspetti da considerare, in sostanza, sia nel caso di bambini che ragazzi, sono molteplici ma ciò che conta è mettersi sempre nei panni dei propri figli facendoli sempre sentire "al primo posto".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate entrare il vostro compagno nella vita dei vostri figli in modo graduale

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come accettare i figli del proprio compagno

Il concetto di famiglia è sempre in continua evoluzione e non esiste più solo la classica triade madre-padre-figli, ma si continuano a formare sempre più quelle che vengono definite famiglie allargate. Quando i genitori si separano perché non vanno...
Famiglia

10 motivi per riconciliarti con il padre dei tuoi figli

Se con tuo marito o il tuo compagno le cose sono finite e non sono finite bene, potresti non avere più nessuna voglia di relazionarti ancora con lui. Eppure, se anche non è più un compagno, resta il padre dei tuoi figli e pensare al loro bene è la...
Famiglia

10 segreti per rendere speciale il rapporto con i figli

Avere una bella relazione con i propri figli è qualcosa di molto importante per voi, ma soprattutto per loro. Il genitore rappresenta infatti una delle figure più determinanti per l'infanzia e la vita del figlio, pertanto, il rapporto che avrete con...
Famiglia

Come trasmettere i valori ai figli

Crescere i propri figli nel modo migliore. Questa è una delle prime preoccupazioni di coloro che si apprestano a diventare genitori. Caratteristica degli ultimi tempi è una svalutazione di tutti i valori principali della famiglia. La società moderna...
Famiglia

10 motivi per passare più tempo con i tuoi figli

Essere genitori è un lavoro molto difficile. Un buon genitore deve essere capace di stabilire un rapporto equilibrato con i propri figli. Avventure, litigi ed esperienze faranno indelebilmente parte del bagaglio culturale e comportamentale delle tue...
Famiglia

5 modi per conquistare affetto e rispetto dei suoi figli

Il compito più importante che ogni genitore ha è quello di educarli nel modo giusto e ottenere in cambio rispetto ma anche affetto. Bisogna trovare infatti il giusto equilibrio senza esagerare facendo capire loro come ci si comporta in ogni situazione....
Famiglia

10 bugie che i genitori dicono ai figli

Ebbene sì, per essere dei bravi genitori spesso occorre raccontare qualche bugia. La maggior parte delle volte è a fin di bene, per semplificare la vita a tutti. Quando però i figli scoprono che i genitori hanno raccontato delle bugie spesso ci rimangono...
Famiglia

Come dimostrare l'affetto ai figli

Dimostrare il proprio affetto ai figli è un passaggio naturale e necessario del rapporto genitoriale: ci si confronta con una nuova generazione e con questa si instaura un legame fatto di scambi, crescita, protezione o in alcuni casi, soprattutto in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.