Come reagire se un ragazzo ti rifiuta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il rifiuto, si sa, fa parte della vita, ma in faccende di cuore spiazza, soprattutto se eri certa di essere ricambiata: ti fa mettere in dubbio il tuo carisma, il tuo aspetto fisico, ti mette in imbarazzo e, a volte, fa davvero soffrire. Saresti tentata di chiedere spiegazioni o di insistere, o di urlare la tua rabbia; a frenarti, fortunatamente, è spesso solo la paura di renderti ridicola. Ma qual è il modo giusto, allora, di reagire quando è un ragazzo a rifiutarti? Come superare lo sconforto?

26

In quale situazione è avvenuto il rifiuto? Lo hai invitato a uscire e lui ha detto di no? Quanto ti sei esposta? Gli hai confessato i tuoi sentimenti, ma ti ha risposto che ti considera soltanto amica? Oppure ancora, peggio: sei uscita con lui una volta, ma non si è fatto più sentire, non risponde a sms e telefonate?
Mantieni la calma e cerca di razionalizzare la situazione in cui ti trovi.

36

Lo conosci a mala pena, ma ha quello sguardo così intrigante, quel sorriso aperto e cordiale, vi vedete spesso in compagnia di amici in comune e sembrava ti guardasse in maniera così disarmante che non hai resistito: fra un aperitivo e una risata, gli hai chiesto di vedervi una sera di queste. E lui ha detto qualcosa come: "Non mi sembra il caso.".
Pensaci un attimo: non vi conoscete nemmeno, non stava rifiutando te come persona. Le motivazioni potrebbero essere le più svariate: ha già una ragazza e tu non lo sai, o comunque è interessato a un'altra, magari ha il cuore spezzato e in questo momento non vuole frequentare nessuna, magari gli piacciono altre tipologie di donne. Quale che sia la motivazione, mi sembra chiaro non possa dipendere da te.
Accetta il suo rifiuto, fortunatamente giunto in un momento molto precoce della tua cotta, come qualcosa che può accadere nella vita; se non te la senti di incontrarlo per qualche giorno, evita o limita le occasioni di contatto. Non dargli a intendere che ci sei rimasta male: se dovessero chiederti spiegazioni in sua presenza, limitati a dire che sei stata molto impegnata. Rivolgi altrove le tue attenzioni, senza ignorarlo smaccatamente ma anche senza farti sorprendere a seguire ogni suo movimento. Evita, per ritorsione, di cominciare a corteggiare il suo migliore amico: daresti una pessima impressione di te e penserebbe di aver fatto proprio bene a declinare la tua offerta. Concentrati sugli amici e vedrai che, in brevissimo tempo, lui tornerà a essere uno fra tanti.

Continua la lettura
46

Siete amici da un po' di tempo e tu, da qualche mese, sei segretamente innamorata di lui. Ti dedica moltissime attenzioni, hai l'impressione di avere in comune più con lui che con chiunque altro, avete un rapporto basato sulla fiducia, sul rispetto, ridete e vi divertite tantissimo assieme. Alla fine, confessargli i tuoi sentimenti ti è sembrata una naturale evoluzione, eri certa che fossero corrisposti, ma con un complicato giro di parole lui ti ha detto di considerarti solo un'amica.
La tua prima reazione è stata chiuderti in casa a piangere: fai bene, sfogati. Un rifiuto di questo tipo è comunque un lutto, devi darti il tempo di elaborarlo. Trascorsi i primi giorni di gelato, lacrime e pigiama, eterna formula di abbrutimento post-rottura, però, è importante che ti riappropri della tua vita e che tu rifletta bene su cosa ne deve essere della vostra amicizia.
Parliamoci chiaro: se tu sei innamorata e lui no, il vostro rapporto è impari e non può più funzionare. Per una rapida ripresa è valido ciò che funziona per ogni rottura sentimentale: la formula no contact offre i migliori risultati. Mi rendo conto che rinunciare anche alla sua grande amicizia, oltre ai sogni romantici che vi riguardavano, è uno sforzo enorme, ma val la pena, se non altro, soffrire una volta sola. Riusciresti a rimanere al suo fianco come amica mentre lui continua la sua vita, esce con altre ragazze, te le presenta, si innamora, si sposa? Magari adesso può sembrarti di sì, ma ti assicuro che ti infliggeresti una tortura alla quale, alla lunga, non riusciresti più a resistere; avercelo sempre sotto agli occhi, poi, renderebbe quasi impossibile liberarti dai tuoi sentimenti per lui. Meglio uno strappo secco, come un cerotto.
Rifugiati in qualche buona amica: una buona amica è colei che sa ascoltarti, senza giudicarti, e parlarti francamente. Se dovesse cercarti, digli che non te la senti di proseguire la vostra amicizia e chiedigli di non chiamarti più, almeno per un po'. Sarà doloroso, all'inizio, ma diventerà sempre più facile e, nel giro di un paio di mesi, avrai superato il tuo dolore e sarai pronta a rimetterti in gioco con qualcuno che ricambi davvero le tue attenzioni.

56

Ti ha invitata a uscire, tu hai accettato, ti sembrava di aver trascorso una bellissima serata, magari ti sei spinta fino a baciarlo. Poi basta: non si è più fatto vivo, non risponde alle tue chiamate, non risponde ai tuoi messaggi. Sei arrabbiata, oltre che ferita, e senti di aver diritto a una spiegazione: hai ragione, naturalmente, ma vale la pena di insistere per avere spiegazioni da una persona che non ha nemmeno l'educazione di rispondere al telefono? Questo ragazzo non ti sta mostrando rispetto e l'insistenza con cui gli mandi sms e lo chiami non gli farà certo cambiare idea, men che meno continuare a passare "Per caso" nei luoghi che frequenta.
Evita di continuare a cercarlo e, se possibile, anche di parlare di lui con le conoscenze che potreste avere in comune: ignoralo completamente. Ci sono persone che vogliono unicamente sentire di avere potere su di noi, se sentono di aver perso quell'ascendente cercano di riconquistarlo quindi, probabilmente, a questo punto tornerà a cercarti. Io ti sconsiglio di lasciarti trovare disponibile: lo rifarebbe. Non è certo un rapporto nebuloso, incerto, altalenante quello che vorresti, vero?
Qualcuno ha detto che l'unico modo per trovare l'uomo giusto è lasciar andare via gli uomini sbagliati. Lui è senza dubbio quello sbagliato, quindi liberatene e pensa che potrebbe averti fatto un enorme favore: ti ha dato la possibilità di incontrare, probabilmente presto, qualcuno estremamente migliore di lui.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Anche se sei tentata di fargli sapere quanto ti abbia ferita, lo sguardo da cucciolo bastonato non gli farà cambiare idea: evita ulteriori umiliazioni, tira fuori la tua grinta!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Problemi Adolescenziali

Come reagire di fronte a un'offesa

Ricevere una pesante offesa non è mai un evento piacevole. Un'offesa, poi, diviene un oltraggio ancor più pesante ed intollerabile quando viene pronunciata in pubblico, alla presenza di altre persone, danneggiando la tua reputazione. Se chi ti rivolge...
Problemi Adolescenziali

Come reagire quando ti prendono in giro

Quando le altre persone, soprattutto i tuoi coetanei, ti prendono in giro non è sempre facile reagire. Spesso le vittime preferite sono i ragazzi più introversi e sensibili, oppure quelli che per qualche futile motivo vengono considerati bersagli da...
Problemi Adolescenziali

Come aiutare un ragazzo timido a dichiararsi

Non è sempre vero che in amore vince chi fugge. Se si prova attrazione per un ragazzo timido è bene iniziare ad esporsi con i propri sentimenti per far crollare il muro della timidezza. I timidi non sono stupidi, sono solo persone che hanno difficoltà...
Problemi Adolescenziali

Come comportarsi alla prima uscita con un ragazzo

La prima uscita con un ragazzo è indubbiamente un evento molto importante nella vita di una donna. Che sia la tua prima uscita in assoluto o la prima con un nuovo ragazzo non devi farti prendere dal panico. Fai un bel respiro e sorseggi una tisana rilassante...
Problemi Adolescenziali

Come dimenticare un ragazzo fidanzato

L’amore è un sentimento davvero unico e speciale, ma questo per l’innamorati non è tutto rose e fiori. Può capitare soprattutto negli anni dell’adolescenza di provare qualcosa di speciale verso un ragazzo gia fidanzato e superare questo problema...
Problemi Adolescenziali

10 modi per dire ai tuoi genitori che hai un ragazzo

Per i tuoi genitori sei e sarai sempre la loro bambina. Anche in età adulta, non smetteranno di preoccuparsi per te e giudicare le tue amicizie. Ti condizionano al punto tale da nascondere qualsiasi relazione passeggera, per non allarmarli. Ma adesso,...
Problemi Adolescenziali

Come capire se un ragazzo vuole solo divertirsi

Amore, attrazione, divertimento: sono queste le principali motivazioni che spingono uomini e donne ad avvicinarsi per una relazione sentimentale. Tuttavia, quando ci si sente già attratti e coinvolti, è difficile mantenere la lucidità necessaria per...
Problemi Adolescenziali

Come flirtare con un ragazzo in gita scolastica

Quante volte ci sarà capitato, durante una gita scolastica, di incontrare un ragazzo, magari di una sezione diversa dalla vostra, e di non riuscire subito e con facilità ad approcciarci a lui. Oppure, un nostro compagno di classe che ci piace, ma non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.