Cosa fare quando il figlio risponde male

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

A volte i genitori si domandano: «Che cosa abbiamo fatto di male per meritarci tutto questo? Eppure ce l'abbiamo messa tutta per non fargli mancare nulla». Dubbi legittimi, ma su una cosa possiamo essere sicuri: gli atteggiamenti ribelli e aggressivi non dipendono da noi, anche se in noi trovano un facile bersaglio. C’è chi dice le parolacce, chi non sta mai fermo e chi risponde male: sono i bambini maleducati, temuti dalle mamme per l’influenza negativa che possono esercitare sui loro figli, guardati con ammirazione dai coetanei per il coraggio che dimostrano nello sfidare gli adulti e le loro regole. Ma come mai alcuni piccoli si comportano in questo modo e quando è colpa dei genitori? La ribellione è infatti una spinta vitale del tutto naturale: perché un ragazzo possa diventare uomo, deve affrancarsi da mamma e papà. Ma per farlo ha bisogno di smitizzare, in modo anche ruvido, le figure genitoriali, mettendo in discussione i loro valori di riferimento, il loro modo di pensare, per poi magari recuperarli in seguito.

24

Non esiste un modello comportamentale da applicare all'educazione dei figli: ciascun genitore dà una diversa importanza a determinati valori e principi, in base all'educazione ricevuta a propria volta. Per questo motivo, l’origine di una buona o di una cattiva educazione va trovata a monte: se da piccoli non si è stati abituati ad avere rispetto per le altre persone o per le cose, è molto probabile che non ci si preoccuperà di trasmettere questo principio ai propri bambini. Però non sempre è così: può succedere che mamma e papà, pur avendo ricevuto una corretta educazione, non siano stati in grado di trasmetterla adeguatamente ai figli. Se i genitori piegano il proprio ruolo educativo ai capricci di un bambino che mostra un carattere forte o diventano più tolleranti e indulgenti con il tempo può facilmente accadere che due fratellini si comportino in maniera molto diversa tra loro. Nonostante le buone intenzioni, può succedere che i genitori sbaglino per paura di sbagliare.

34

Talvolta si riesce a far comprendere al proprio figlio di come ci abbia mancato di rispetto e di quanto ciò ci abbia ferito. Sebbene si sia intavolato magari un rapporto quasi paritario, il rispondere male al proprio genitore è comunque sinonimo di maleducazione e a nessuno piace avere dei figli maleducati, Se la cosa non è mai accaduta in precedenza e si tratta di un fatto unico, cercate di capire cosa ha indotto tale reazione; è possibile che vostro figlio stia passando un periodo di grande stress, e viva situazioni che lo fanno star male fuori o dentro l'ambiente domestico; in tal caso con molta probabilità basterà dialogare un po' con lui e l'episodio, se pur spiacevole, non si ripeterà.

Continua la lettura
44

Diverso è il discorso quando nostro figlio sistematicamente ci risponde male, mancandoci di rispetto. Ciò significa che ai suoi occhi abbiamo perso ogni autorità e quindi non solo ci considera un suo pari, ma spesso come qualcuno che lo infastidisce impedendogli di dire e fare ciò che vuole. In questo caso, recuperare la situazione diventa molto difficile: si dovrà essere determinati ed autorevoli, ma con diplomazia e dolcezza cercare di parlare con lui mantenendo un punto fermo e soprattutto provvedere ogni qual volta ci risponde male. Le punizioni non costituiscono sempre una valida soluzione e tendono ad inasprire i rapporti, ma l'essere meno permissivi, dire qualche "no" in più, concedere un po' meno di quanto siamo abituati a fare, potrà ricordargli che, anche se gli vogliamo bene, siamo sempre i suoi genitori e possiamo dare e togliere, premiare o dire di no, a seconda della situazione e dei suoi comportamenti più o meno corretti.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Problemi Adolescenziali

Come consolare un figlio adolescente innamorato non corrisposto

Stare vicini ai nostri figli anche nelle difficoltà è un qualcosa di fondamentale importanza se vogliamo che i nostri figli si sentano sempre sicuri e protetti. Ad esempio, se nostro figlio adolescente è innamorato di una ragazza che non lo ama, sarà...
Problemi Adolescenziali

Come gestire un figlio ribelle

Essere un genitore e avere a che fare con i bambini non è mai semplice, purtroppo di errori se ne possono commettere moltissimi e gestire un figlio con il tempo potrebbe diventare complicato, soprattutto se il figlio ha un carattere ribelle e complicato....
Problemi Adolescenziali

Come sostenere tuo figlio durante la crisi preadolescenziale

Sostenere un figlio o una figlia durante la crisi preadolescenziale è un compito difficile che mette prima o poi alla prova tutti i genitori: non c'è ragazzo che affacciandosi alla pubertà non attraversi una fase di spaesamento che può sfociare in...
Problemi Adolescenziali

Come "frenare" un figlio adolescente

Le persone che hanno un figlio adolescente oppure ricordano la propria adolescenza sanno quanto tale fase della vita possa essere complicata: figli ribelli che desiderano ritornare tardi a casa, cercano delle compagnie sempre nuove, credono di poter cambiare...
Problemi Adolescenziali

Come affrontare la bocciatura di un figlio alle scuole superiori

Essere genitori, spesso richiede una vera e propria capacità di resistenza, in quanto è necessario misurarsi con problemi familiari impegnativi di ogni genere che la vita quotidiana propone. Del resto, la professione genitoriale è sicuramente la più...
Problemi Adolescenziali

Cosa fare se tuo figlio non ti ascolta

In quasi tutte le famiglie capitano spesso dei litigi tra genitori e figli. Uno dei motivi principali di queste tensioni è la poca disciplina che i figli spesso hanno nei confronti dei loro genitori. Questo genera, il più delle volte, delle discussioni...
Problemi Adolescenziali

Come educare un figlio a non lasciarsi condizionare dai compagni

Educare un figlio ed osservarlo crescere, è di certo una delle cose più belle della vita di un genitore. Eppure educare un figlio, specialmente quando è ancora molto piccolo e vulnerabile, non sempre si rivela un compito facile. Le prime difficoltà...
Problemi Adolescenziali

5 cose da non dire mai a un figlio adolescente

Quando si decide di mettere al mondo un figlio, si pensa sempre che nel rapportarsi con lui non possano mai esistere ostacoli. Purtroppo, col passare degli anni, la nostra convinzione originaria perde sempre più terreno e ci ritroviamo a non saper mai...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.