Gestire l'aggressività dei bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La rabbia nei bambini è un emozione comune. Va insegnato loro come gestirla positivamente per non creare in lui atteggiamenti aggressivi, che possono far soffrire altri bambini, creare situazioni di pericolo ma anche solitudine, poiché chi è aggressivo finisce con il non avere più amici con cui giocare. Anche se è un compito difficile occorre intervenire tempestivamente e con pazienza.
In questa guida vi spiegherò come gestire l'aggressività dei bambini.

27

Occorrente

  • Pazienza e positività
  • Tempo e voglia di educare
37

Ai bambini che appaiono molto aggressivi vanno date per prima cosa delle regole: queste devono essere rispettate da tutta la famiglia. Può essere utile anche trascriverle su di un foglio da incollare in vari punti strategici della casa. Inizia con azioni di generale importanza, come assegnare orari fissi per il pranzo, la cena e per andare a dormire. Se va a scuola insegnagli ad aver cura del materiale scolastico e poi gradualmente, a comportarsi sia con gli amici che a scuola. Se vedrà che tutta la famiglia rispetta le regole anche lui prenderà un esempio positivo. Quando devi rimproverarlo non gridare, ma usa un tono pacato e fermo, deciso ma non carico di rabbia.

47

Fatti spiegare sempre cosa lo ha infastidito a tal punto da creare quella reazione a te non gradita.
Mostragli con tranquillità cosa sarebbe potuto accadere, come farsi male o rompere qualcosa, proprio a causa del suo atteggiamento sbagliato. Insegna al bambino dei modi alternativi per sfogare la rabbia, come sbattere i piedi a terra o altro che vi venga in mente. Leggi o raccontagli storie in cui il protagonista ha attacchi di rabbia e li risolve in modo positivo, fagli capire che anche la rabbia può trasformarsi in qualcosa di positivo, come un disegno o una piccola creazione artistica e non solo un azione negativa.

Continua la lettura
57

Non dare mai castighi troppo severi che lo spaventino, come metterlo al buio o sculacciarlo forte, potrebbero creare rancore e innescare in lui una risposta che crea solo un circolo vizioso.
Al contrario quando vedi atteggiamenti in cui si mostra più buono e generoso lodalo e dimostragli quanto sei fiero di lui. In questo modo alzerai il suo livello di autostima. Puoi anche fare un cartellone che rappresenta il mese con tutti i suoi giorni. Ogni volta che farà il bravo assegna una stellina. Nel caso avrà raggiunto il numero di stelline stabilite riceverà un premio pattuito in precedenza. Nel caso non avrai alcun risultato e ti sembra che la rabbia di tuo figlio sia diventata patologica parlane con il pediatra che ti indirizzerà verso alcuni specialisti che affronteranno il problema insieme a te e al bambino con terapie mirate e molto utili.

67

Approfondimenti e curiosità:
Sicuramente un ottimo rapporto con il proprio figlio e un buon clima famigliare può aiutare a risolvere molti problemi. Vi consiglio di continuare a mantenere un rapporto di rispetto reciproco e di armonia per cercare di riuscire a parlare con il bambino. Molte volte anche uno sport di squadra riesci ad aiutare in queste situazioni, perché fa capire al piccolo l'importanza degli altri e con l'impegno e l'aiuto degli altri si possono raggiungere grossi traguardi. Vi consiglio vivamente di rivolgervi sempre ad dei esperti per chiedere dei consigli in merito e valutare la questione con un dottore.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgersi sempre a dei dottori anche per dei semplici consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come gestire una famiglia monoparentale

La famiglia monoparentale si compone di un solo genitore. Il 12% delle famiglie italiane è monoparentale. Le ragioni sono varie: la morte improvvisa del coniuge, una separazione o una gravidanza extraconiugale. Gestire una famiglia monoparentale non...
Famiglia

Come gestire una cognata insopportabile

Solitamente, la grande rivale delle donne sposate è la suocera, un po' per motivi fondati, e un po' anche per una sorta di pregiudizio. Per questo motivo la maggior parte delle mogli è pronta psicologicamente alla " battaglia " con questa figura. Ma...
Famiglia

Come gestire i rapporti con i suoceri

In una coppia arriva sempre il momento di gestire i rapporti con i suoceri. Questi legami relazionali possono essere di diversi tipi. Nell'immaginario comune si tratta sempre di rapporti conflittuali, ma non sempre è così. Esistono anche dei casi in...
Famiglia

5 consigli per gestire una famiglia allargata

La famiglia allargata è ormai una realtà molto diffusa nel nostro Paese, Ex, figli, suoceri tutto si raddoppia e la situazione inevitabilmente si complica. Per raggiungere il giusto equilibrio, senza arrecare sofferenze (specie ai minori), non serve...
Famiglia

Come gestire le relazioni familiari

La famiglia è composta da più individui collegati tra loro, da legami di sangue e vincoli di parentela. Oggi, rispetto a quello che accadeva in passato, la famiglia tende ad essere formata da pochi componenti, per ragioni di tipo sociale ed economico.In...
Famiglia

Come gestire le liti tra sorelle

Molti di noi hanno delle sorelle e, per sfortuna, ogni tanto capita che ci siano delle liti, qualunque sia l'età che si ha. Uno dei motivi per cui si può litigare tra sorelle è quando si è piccoli è perché si vogliono i giochi dell'altra o semplicemente...
Famiglia

Come gestire una cognata invidiosa

L'invidia è uno tra i più brutti e deleteri sentimenti che una persona possa mai provare. Non è facile da controllare, perché nella maggiore parte dei casi risulta essere proprio un'emozione istintiva. Si insinua soprattutto quando si vede negli altri...
Famiglia

Come gestire le difficoltà della famiglia allargata

Quando una coppia si separa, accade che ciascuno dei due componenti si rifaccia una vita e abbia dei figli. Oggi cercheremo di dare delle indicazioni su come gestire le difficoltà della famiglia allargata, cioè composta di persone che provengono da...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.