Guida ai diritti e doveri dei coniugi separati

Tramite: O2O 13/10/2014
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'amore è una cosa meravigliosa, ma come tutte le cose belle, a volte finisce e lascia dietro di se l'amaro. Purtroppo ci si sente ancora peggio, quando si deve aver a che fare con la burocrazia e le leggi che disciplinano i rapporti coniugali. In mancanza di accordi e di buon senso, la legge diventa l'unica via per far valere i propri diritti e accettare i propri doveri. Oggi vogliamo essere d'aiuto a tutti coloro stanno affrontando una separazione, alleggerendoli di un peso con questa guida ai diritti e doveri dei coniugi separati.

26

Quando si ha a che fare con una separazione, chi deve essere tutelato per primo e sotto ogni punto di vista è un figlio o più figli. In caso di figli il genitore ai quali essi non sono stati affidati deve avere la possibilità di passare del tempo con loro; anche per i nonni vale lo stesso principio. I figli dovranno restare nell'abitazione coniugale e dovranno essere tutelati da entrambi i genitori, per evitare che subiscano dei traumi. Ovviamente i figli manterranno il cognome del padre. Per quanto riguarda il mantenimento che dovrà spettare ai figli e al genitore affidatario in caso questo non fosse in grado di provvedere a se stesso, bisogna attenersi alla decisione del giudice riguardo alla cifra da versare.

36

La prole dovrà essere mantenuta fino al compimento della maggiore età e anche oltre, qualora essa non fosse autosufficiente. Vale lo stesso per il diritto allo studio. Di norma la somma da versare come assegno di mantenimento ai figli, andrebbe divisa tra i due ex coniugi, ma soltanto se questi hanno entrambi un reddito che superi una soglia minima. Quando si decide di separarsi, ovviamente si perdono tutti i doveri matrimoniali, come l'obbligo di fedeltà, di coabitazione, di collaborazione ecc. E vengono, sostituiti appunto, dall'obbligo di mantenimento. State leggendo guida ai diritti e doveri dei coniugi separati.

Continua la lettura
46

In caso di decesso del coniuge, l'eredità andrà anche al coniuge separato e ovviamente ai figli, se non è stato redatto un testamento. In mancanza di quest'ultimo, al coniuge spetta rispettivamente la metà dell'eredità. In caso di prole il coniuge separato avrà diritto ad un terzo dell'eredità, che andrà divisa con i figli. Per quanto riguarda la dimora e il mobilio, essi andranno alla persona che si è presa cura dei figli.

56

La donna, dopo la separazione rinuncia al cognome del coniuge e se la separazione si protrae per oltre tre anni, si può fare la domanda per il divorzio. Le decisioni riguardo all'educazione, allo sviluppo e al benessere dei figli andranno prese da entrambi i genitori. Certamente una separazione consensuale è molto meno traumatica per tutti e in particolare per i figli, ma non sempre ciò è possibile, quindi si deve far affidamento al buon senso e alle regole dettate dal giudice.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mettete sempre al primo posto il benessere dei vostri figli, sorpassando per il loro bene, le divergenze di opinioni con l'ex partner.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Separazione dei beni e morte di uno dei coniugi

Al momento delle nozze o successivamente con un atto notarile da annotare a margine dell’atto di matrimonio, i coniugi possono pattuire espressamente un regime di separazione dei beni. Così facendo non ricadrebbero più nell'automatica comunione legale,...
Divorzio

Come avviare una pratica di divorzio

Alcune volte dopo essersi sposati cambiano alcune cose all'interno della coppia, non si va più d'accordo, tradimenti o, frustrazioni, disagi e qualsiasi altro tipo di problema porta ad un deterioramento della coppia. Per prima cosa si cerca di aggiustare...
Divorzio

Comunione dei beni ed eredità

La riforma del diritto di famiglia disposta il 19 maggio del 1975 aggiorna la precedente legge "Delle persone e delle famiglie" redatta per la prima volta nel 1942 e regola definitivamente ogni aspetto patrimoniale nei rapporti tra i singoli componenti...
Divorzio

Affidamento congiunto e condiviso

Negli ultimi anni il numero di separazioni sta diventando sempre maggiore. Il termine del matrimonio spesso rappresenta un grande problema quando ci sono dei figli all'interno della coppia che sta procedendo con le pratiche di separazione. L'affidamento...
Divorzio

La separazione dei beni dopo il matrimonio

Prima di sposarsi, un aspetto molto pratico che i coniugi devono valutare è quello relativo alla comunione o separazione dei beni; tale scelta, infatti, inciderà sui beni in proprietà a ciascuno degli sposi. Il matrimonio è di fatto un contratto...
Divorzio

Come annullare una richiesta di divorzio

Quando i coniugi decidono di divorziare devono presentarsi davanti al Presidente del Tribunale con i rispettivi avvocati e fare espressa richiesta di separazione, presentando motivi validi. L'atto di separazione diventa legale una volta emessa la sentenza...
Divorzio

Come opporsi a una richiesta di divorzio

La legge italiana prevede che il divorzio possa essere richiesto dai coniugi sia di comune accordo che separatamente. In quest'ultimo caso, è uno dei due che chiede il divorzio all'altro. Se si verifica questa situazione il coniuge che subisce la decisione...
Divorzio

Come funziona la procedura del divorzio

Il divorzio è un istituto che porta allo scioglimento di un matrimonio. Con esso termina lo status di coniuge consentendo ai due membri della coppia, ormai liberi, di potersi nuovamente sposare. In questa guida vedremo in maniera molto semplice come...