Il dialogo dei bambini con Dio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una delle forme di dialogo con Dio, per l'uomo è la preghiera: questa ci mette in contatto diretto con Dio; la preghiera non è un qualcosa imparato a memoria, ma riguarda il parlare apertamente con Cristo ed aprire il nostro cuore.
Ma come funziona con i bambini? Quando nasciamo non sappiamo cosa significhi pregare, eppure nella Bibbia c'è scritto " Se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete mai nel regno dei cieli (Matteo 18)" o ancora "beati i puri di cuore (i bambini) perché essi vedranno Dio (Matteo 5); i bambini non sanno come si prega, non sanno nemmeno chi è Dio, eppure all'interno della Bibbia sono costantemente un esempio, perché? Semplicemente per la loro semplicità.

25

La prima scuola di preghiera è la famiglia: i bambini sono come spugne e assorbono tutto ciò che li circonda poiché nuovo, quindi quando un bambino cresce in una famiglia in cui è abitudine pregare e leggere la Bibbia, sicuramente questo comportamento sarà adottato anche nella sua vita; se c'è una cosa che i bambini sanno fare bene è credere e soprattutto non avere bisogno di grandi cose per pregare, ma semplicemente, come dice Matteo 6 "entra nella tua cameretta e rivolgiti al Padre tuo nel segreto", in maniera assolutamente semplice e spontanea.
Persino al momento della moltiplicazioni dei pani e dei pesci vi è la figura di un bambino: i discepoli erano confusi e non sapevano come dar da mangiare all'innumerevole folla, ma un bambino con grande semplicità disse di avere sette pani e pochi pesci, così Gesù poté fare il miracolo e dar da mangiare a ben quattromila persone.

35

Perché i bambini imparano a pregare vivendo?
Come nella vita di un uomo, anche nella vita di un bambino a volte ci sono dei "momenti no", magari a volte si sente il bisogno di rivolgersi a qualcuno ritenuto superiore all'essere umano, alcuni credono che questo sia solo opera di "auto-convincimento" che qualcuno possa risolvere i problemi al posto nostro, scaricare i nostri pesi su un fantomatico Dio, come se Dio fosse il nostro psicologo di fiducia e soprattutto gratis; altri credono che invece un Dio esiste e che è in grado di risolvere i nostri problemi quotidiani.
Queste due fazioni di genitori, determinano due fazioni di bambini: i figli dei primi da un punto di vista psicologico potrebbero sfogare le loro rabbie in nervosismo e ansia; gli altri affidandosi a Dio potrebbero riuscire a scaricare le loro preoccupazioni credendo che da un momento all'altro tutto potrebbe aggiustarsi; le preghiere di un bambino non sono poi così complicate, ma potrebbero riguardare il rendimento scolastico, il rapporto con i compagni e soprattutto il rapporto famigliare.

Continua la lettura
45

Come condurre il bambino alla preghiera?
Basta rendere la cosa molto semplice, quasi come se fosse un gioco: per esempio potrebbe creare una tabella con su scritto ogni richiesta e ogni sera, prima di andare a dormire, magari insieme alla mamma, pregare per ogni punto con tutto il cuore; una volta esaudito, mettere una spunta colorata accanto alla preghiera; oppure ancora creare un cestino in pannolenci da appendere nella propria cameretta, scrivere le preghierine e metterle all'interno.
Sono gesti carini e semplici che portano il bambino, anche mediante il gioco, alla preghiera.
Il dialogo con Dio è fondamentale e va coltivato giorno dopo giorno, anche la nostra anima ha bisogno di "mangiare" ogni tanto. I bambini sono speciali, ed è loro il regno dei cieli, essi non hanno peccato e sono amati da Dio, aiutiamoli a fare scelte consapevoli e ad avere un dialogo con Dio.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non pressare il bambino, ma far avvenire tutto in maniera naturale, bisogna essere un esempio per loro.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Amore

Come evitare di essere presi in giro

Si dice che "l'amore è cieco", ma non è del tutto esatto. Chi ama vede sia i pregi che i difetti del proprio innamorato, ma il sentimento supera tutto. Ci si illude di poter cambiare, di riuscire ad accettare, ma certi atteggiamenti, alcuni presentimenti...
Amore

5 cose che ti fanno capire che per lui sei solo un'amica

Molte di noi donne sono eterne sognatrici, irriducibili romantiche e non facciamo altro che immaginare la nostra storia d'amore perfetta e il principe azzurro.Quando conosciamo un ragazzo che ci piace subito suonano nella nostra testa le campane a nozze:...
Vita di Coppia

5 film romantici da vedere in coppia

Come sappiamo, da sempre, un luogo classico per un primo appuntamento o per un primo contatto romantico è senza ombra di dubbio il cinema! Quanti amori sono nati guardando un film? Di generazione in generazione, vedere un film insieme, costituisce un...
Amicizia

Come scrivere al Papa

L'attuale Papa è stato artefice nel corso del suo Pontificato di numerose telefonate inaspettate, a persone di vario tipo, dal politico al bambino malato, poiché ama stare a contatto con la gente e farsi partecipe delle loro difficoltà e della loro...
Famiglia

Come convertirsi al Cristianesimo

In questa guida verranno date informazioni utili su come convertirsi al Cristianesimo. Come ben saprete, il battesimo non è più una priorità, perché viene considerato spesso come una perdita di libertà del bambino e di soldi dei genitori. Infatti...
Famiglia

Cosa regalare ai padrini di Battesimo

Il battesimo è il primo sacramento che un cristiano riceve e consiste nella cancellazione del peccato originale, appartenente a ogni essere umano. Di solito il sacramento del battesimo si riceve appena nati, dopo quattro o cinque mesi. Una volta cancellato...
Matrimonio

Come celebrare un matrimonio celtico

Il rito del matrimonio celtico ha un'origine antichissima, che si perde nelle ere del tempo. Le origini dei celti, popolo misteriosissimo, risalgono all'Età del Ferro. I celti si collocano geograficamente tra il Danubio e le sorgenti dell'alto Reno....
Famiglia

Come scrivere un biglietto per una nascita

Quando nasce un bambino si apre un momento di grandissima gioia per i neo genitori ma anche per tutti coloro che li circondano. Amici e parenti che vogliono partecipare alla felicità immensa per l'arrivo di una nuova creatura. Oltre al regalo, i genitori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.