La separazione dei beni dopo il matrimonio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Prima di sposarsi, un aspetto molto pratico che i coniugi devono valutare è quello relativo alla comunione o separazione dei beni; tale scelta, infatti, inciderà sui beni in proprietà a ciascuno degli sposi. Il matrimonio è di fatto un contratto tra due individui e come ogni contratto presenta delle clausole: tra queste una è quella che concerne il regime patrimoniale di beni. Il giorno della celebrazione del matrimonio, sia che esso avvenga con rito civile sia che venga celebrato con rito concordatario, i coniugi sono tenuti ad effettuare una scelta sul regime patrimoniale, che verrà annotata dall’ufficiale di stato civile o dal sacerdote. La separazione dei beni comunque non significa per forza un qualcosa di negativo, ma vuole far si che ci sia indipendenza economica dei due senza che l'uno influenzi l'altro nell'acquisto di un bene o di qualsiasi prodotto.

27

Occorrente

  • Notaio
37

A far data dal 20 Settembre 1975, se i nubendi non effettuano alcuna scelta al momento della celebrazione del matrimonio, il regime patrimoniale della famiglia sarà automaticamente quello della comunione legale dei beni: ciò, però, non preclude ai coniugi la possibilità di modificare questa decisione durante la vita coniugale, che può avvenire con atto pubblico di fronte ad un notaio. Sicuramente è una decisione che va presa comunque in due, perché si tratta di beni, soldi e quindi risulta una cosa molto seria e delicata.

47

Cosa prevede la comunione dei beni? Il regime patrimoniale della comunione dei beni prevede che tutti i beni acquistati successivamente alle nozze appartengano ad entrambi i coniugi.
Nello specifico, i beni che si intendono di proprietà comune sono: 1) i beni acquistati dopo il matrimonio anche singolarmente dai coniugi: quindi proprietà mobiliari (autoveicoli, moto, barche, ecc.) ed immobiliari (appartamenti, terreni, ecc.); 2) aziende ed attività commerciali - profitti compresi - avviate dai coniugi dopo il matrimonio; 3) i rendimenti propri di ciascun coniuge, come ad esempio conti bancari, titoli, buoni fruttiferi ecc…; 4) infine, fanno parte del patrimonio comune anche i beni contratti anche separatamente dai coniugi, purché contratti dopo il matrimonio. Restano invece di proprietà esclusiva di ogni coniuge pur avendo scelto la comunione legale, quelli acquistati prima del matrimonio, i beni ereditati de ciascun coniuge anche dopo il matrimonio, gli oggetti e beni posseduti prima delle nozze, beni necessari allo svolgimento della professione, e, infine, eventuali risarcimenti dei danni ottenuti a seguito di danni fisici.

Continua la lettura
57

Cosa prevede invece la separazione dei beni? Il regime patrimoniale della separazione dei beni prevede che ognuno dei due coniugi mantenga la proprietà esclusiva dei beni acquistati sia prima che dopo il matrimonio, pur avendoli poi utilizzati in comune durante la vita coniugale. Quindi, se si è optato per questa scelta, un eventuale bene che vorrà essere acquistato in comproprietà, dovrà essere oggetto di specifica volontà in sede di acquisto. In sostanza la situazione matrimoniale con la separazione dei beni, corrisponde alla situazione precedente il matrimonio, in cui magari i due convivono senza essere sposati ma di fatto posseggono i propri beni.
Ecco qui un link utile ---> www. Laleggepertutti. It/60163_la-separazione-dei-beni-dopo-il-matrimonio-vantaggi-e-costi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuare questa scelta senza fretta, confrondandovi col vostro partner
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Divorzio

Comunione o separazione dei beni

Gli articoli 143 e 147 del Codice Civile regolamentano gli obblighi economici dei coniugi nell'ambito familiare e dei figli. Per legge, i futuri sposi devono scegliere il regime patrimoniale tra comunione o separazione dei beni. È una scelta emotivamente...
Divorzio

Comunione dei beni ed eredità

La riforma del diritto di famiglia disposta il 19 maggio del 1975 aggiorna la precedente legge "Delle persone e delle famiglie" redatta per la prima volta nel 1942 e regola definitivamente ogni aspetto patrimoniale nei rapporti tra i singoli componenti...
Divorzio

La separazione giudiziale: come funziona

Bisogna premettere che la separazione giudiziale funziona come un semplice allontanamento dei coniugi, in cui essi non pongono fine al matrimonio, né viene meno lo stato civile di “coniugato”. Pertanto, gli effetti che determina la separazione incidono...
Divorzio

5 domande da porti prima di chiedere la separazione

Le separazioni non sono mai cosa facile purtroppo. Le coppie in Italia si separano sempre di più questo è indice che la scelta della persona giusta viene presa molto più in fretta rispetto al passato. Purtroppo però certe volte separarsi è la scelta...
Divorzio

Come fare un ricorso per separazione consensuale

L’istituto giuridico della separazione è disciplinato dalle norme ed in particolare dal primo comma dell’art. 151 secondo cui “La separazione può essere chiesta quando si verificano .. Fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della...
Divorzio

Come modificare le condizioni di separazione

Le condizioni contenute nella sentenza di separazione o in un provvedimento di omologazione della separazione consensuale o ancora in un provvedimento che già in precedenza aveva modificato le condizioni, possono essere, in ogni momento, per giustificati...
Divorzio

Separazione: come gestirla quando ci sono i figli

Quando una relazione è giunta al capolinea, l'unica e inevitabile strada da percorrere è la separazione. Un momento difficile e di grande sofferenza, in cui rabbia, rancori e risentimenti possono prendere il sopravvento. Ad ogni modo, la separazione...
Divorzio

Separazione: consigli su come superare i conflitti

Affrontare una separazione non è mai una cosa semplice, soprattutto dal punto di vista emotivo e psicologico. Infatti, il processo di separazione ha sotto questi aspetti molti punti in comune con l'elaborazione di un vero e proprio lutto. Quando un divorzio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.